SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

da | 11 Giu 2024 | Aerospace

“Abbiamo molto terreno senza nessuno intorno, quindi se esplode, va bene”. Così ha esordito Elon Musk nel 2018 spiegando perché avesse deciso di posizionare la sua Starbase poco sopra il villaggio di Boca Chica, paese fondato nel 1967 e distrutto dall’uragano Beulah quello stesso anno.

E a marzo del 2021, una nave è effettivamente esplosa, richiedendo tre mesi per rimuovere i detriti. “Almeno il cratere è nel posto giusto”, twittò Elon in quell’occasione.

La Starbase viene descritta come uno dei primi spazioporti commerciali progettati per missioni orbitali, con l’obiettivo di fornire accesso a destinazioni in orbita terrestre, sulla Luna, su Marte e oltre. Perché il pianeta rosso già sta stretto al visionario magnate sudafricano.

A dimostrazione di questo c’è l’ampliamento della Starbase con la Starfactory, poco più grande di un campo di calcio, che sta venendo costruita con un obiettivo sorprendente.

Dopo il successo del volo di giovedì trasmesso in diretta streaming, Kate Tice, responsabile dei Sistemi di Qualità Ingegneristica di SpaceX, ha infatti dichiarato: “Questo ci permetterà di aumentare significativamente il nostro tasso di produzione mentre lavoriamo verso il nostro obiettivo a lungo termine di produrre una nave al giorno. Presto dalla linea di produzione uscirà la nuova Starship”.

Starship Version 2, di questo stiamo parlando, è progettata per essere più facile da produrre in massa. E sarà realizzata appunto nella nuova Starfactory. Sarà in grado di contenere più propellente, avere una maggiore affidabilità e un peso a secco inferiore. Sono previste anche alcune modifiche aerodinamiche. Jessie Anderson, responsabile della Produzione di Strutture Falcon di SpaceX, ha annunciato che ci sono già navi e booster Super Heavy costruiti, con altri in arrivo dalla linea di produzione.

Con un costo di 100 milioni di dollari e obiettivi estremamente ambiziosi, la struttura da 9290 metri quadri dovrebbe essere operativa entro l’estate.

Un timelapse preso dal live stream di Starbase su YouTube a maggio mostra la costruzione con un elicottero chiamato Starchopper, che naviga tra più gru in movimento mentre consegna unità di climatizzazione sul tetto della Starfactory. Attualmente, ci sono oltre 1.800 dipendenti a tempo pieno a Starbase, il che ne fa il maggior datore di lavoro nella zona.

Nel concludere l’articolo, ci permettiamo di ricordare a Elon Musk che al momento tutto il suo lato aerospaziale poggia su Starship, Starbase e Starfactory, per costruire la quale sta appunto venendo usato lo Starchopper. Che la sua costellazioni di satelliti si chiama Starlink, la cui declinazione militare usata per scopi governativi si chiama Starshield.

Dovesse servirgli qualche suggerimento dall’Italia, diamo pubblicamente la nostra disponibilità a proporre dei nomi con una maggiore varietà.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Ed Dwight, ex capitano dell'Aeronautica militare selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta nero. Ha volato con Blue Origin.

Blue Origin riprende i lanci con passeggeri privati

Il New Shepard di Blue Origin riprende i voli turistici dopo un anno di indagini. A bordo Ed Dwight, selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta di...
Share This