L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

da | 8 Giu 2024 | Aerospace

Giovedì scorso il razzo Starship di SpaceX ha compiuto un notevole passo avanti verso il futuro dell’esplorazione spaziale. Per la prima volta, infatti, entrambi i componenti del razzo, alto 120 metri, non solo sono stati lanciati con successo dalla base Starbase vicino a Brownsville, in Texas, ma sono anche tornati sulla Terra eseguendo ammaraggi controllati in mare.

Il razzo a due stadi è decollato con oltre 15 milioni di libbre di spinta, circa il doppio della potenza del razzo Saturn V della NASA del programma lunare Apollo degli anni ’60 e ’70. E si è diretto verso il Golfo del Messico. Questo volo è stato il quarto tentativo di SpaceX con un razzo Starship a grandezza naturale ma il primo in cui il booster e il razzo hanno completato il volo senza incidenti, dimostrando la fattibilità del recupero e del riutilizzo del veicolo.

Starship è destinato a essere il veicolo di lancio più potente mai costruito, essenziale per le ambizioni future di SpaceX e per la NASA, che lo ha selezionato come lander lunare per il programma Artemis. Anche se ci vorranno ancora molti voli di prova prima che gli astronauti possano utilizzarlo, gli obiettivi di recupero e riutilizzo sembrano sempre più vicini.

La missione ha fornito preziosi dati che guideranno i futuri miglioramenti del sistema di trasporto, progettato per trasportare equipaggio e carico in orbita terrestre, sulla Luna come su Marte. Durante il volo di prova, due dei 33 motori Raptor del booster Super Heavy hanno fallito, uno durante la salita e uno durante la frenata finale prima dell’ammaraggio nel Golfo del Messico. Nonostante questi problemi, il resto dei motori ha permesso un ammaraggio controllato.

Merito questo del fatto che SpaceX ha identificato e risolto problemi precedenti che avevano impedito un successo simile nei voli di prova passati, come l’ostruzione dei filtri nelle linee di alimentazione del propellente.

Anche il secondo stadio di Starship ha dimostrato la sua capacità di mantenere il controllo durante il rientro nell’atmosfera, superando così le fasi in cui è stato soggetto al massimo riscaldamento e alla massima pressione. Le telecamere a bordo hanno trasmesso a terra, attraverso la rete di banda larga Starlink di SpaceX, immagini spettacolari del plasma che avvolgeva il razzo durante la discesa a velocità ipersonica.

Gli unici problemi che si sono visti in diretta hanno riguardato dei pezzi del razzo che si staccavano, presumibilmente piastrelle di protezione termica in ceramica. C’è stato anche un danno all’articolazione della cerniera che collegava una delle alette di controllo del razzo al corpo principale. Tuttavia, l’aletta danneggiata poteva ancora muoversi e ha aiutato a controllare il razzo mentre rientrava nell’atmosfera.

Le priorità per i prossimi test includono la dimostrazione della capacità di riaccendere un motore Raptor nello spazio, un passo cruciale per mettere Starship in orbita terrestre bassa e guidarlo verso il rientro. Inoltre, SpaceX potrebbe apportare modifiche allo scudo termico per migliorare la resistenza alle alte temperature.

Col quinto volo di prova all’orizzonte, gli appassionati di spazio possono aspettarsi ulteriori sviluppi da SpaceX.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Ed Dwight, ex capitano dell'Aeronautica militare selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta nero. Ha volato con Blue Origin.

Blue Origin riprende i lanci con passeggeri privati

Il New Shepard di Blue Origin riprende i voli turistici dopo un anno di indagini. A bordo Ed Dwight, selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta di...
Share This