SpaceX espande la rete Starlink: navi-drone per la copertura internet globale

da | 12 Feb 2024 | Aerospace

Le navi-drone usate da SpaceX per far atterrare i propri missili potrebbero essere utilizzate in futuro per incrementare la copertura satellitare del servizio internet Starlink. Il mese scorso infatti, la compagnia aerospaziale di Elon Musk ha richiesto un permesso alla FCC (Federal Communications Commission) di poter effettuare dei test con 12 “antenne terrestri”, posizionate su altrettante navi-drone.

Sebbene Starlink non sia menzionato direttamente, la richiesta alla FCC include un’applicazione di queste antenne per effettuare connessioni coi satelliti del network di SpaceX. Uno dei legali della compagnia, tramite un’email inviata alla FCC, ha fatto luce sulla natura di questi esperimenti: “Lo scopo dei test è di stabilire il possibile utilizzo di queste stazioni terrestri come portali in un ambiente marittimo, per controllare e verificare il flusso di dati”.

Le antenne sulle navi-drone verranno connesse coi satelliti Starlink di prima a seconda generazione. “Durante i test, le stazioni terrestri riceveranno e invieranno dati per assicurare le capacità di queste stazioni di poter comunicare con i satelliti non-geostazionari di SpaceX”. Tali satelliti sono posizionati in due orbite distinte, fra gli 8000 e 20.000 km dalla Terra, e fra i 400 e 2.000 km (Medium Earth Orbits e Low Earth Orbits), e sono in continuo movimento nei nostri cieli, richiedendo quindi l’utilizzo di una “costellazione di corpi celesti artificiali” per garantire la continuità del servizio.

Al momento Starlink fornisce connessione internet ai suoi utenti usando i propri satelliti che raccolgono i dati dalle stazioni sulla superficie, connesse ai network terrestri con la fibra ottica. Se una di queste stazioni non è a portata di uno dei satelliti ognuno di questi corpi celesti può trasmettere i dati agli altri satelliti che compongono la sopracitata costellazione, grazie al sistema laser di cui sono dotati, garantendo continua copertura e riducendo il rischio di disconnessioni del servizio.

Sebbene questo sistema laser sia robusto, capace di distribuire oltre 42 milioni di gigabyte al giorno, lo scopo di questi di test di SpaceX vuole essere quello di fornire ulteriore stabilità e copertura grazie al posizionamento strategico delle proprie navi-drone, creando di fatto una copia speculare sulla superficie marittima terrestre della costellazione satellitare già in funzione.

Starlink al momento copre 70 paesi, fra cui l’Italia, da poco connessa grazie all’infrastruttura di Telecom Italia, con un costo mensile di 50 euro per l’abbonamento e 450 euro per l’installazione. Lo scopo è ovviamente quello di fornire un servizio internet in tutte le zone rurali, non raggiungibili dalle connessioni internet regolari. SpaceX al momento è in attesa dell’approvazione finale da parte della FCC per cominciare ufficialmente i test. Il futuro della rete globale ad alta velocità potrebbe essere più vicino di quanto pensiamo.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Share This