Meta vuole dimezzare il costo degli abbonamenti a Facebook e Instagram

da | 19 Mar 2024 | Tech

L’Europa si sta dimostrando un territorio sempre più difficile per le big tech. A farne le spese finora è stata soprattutto Apple, tra la multa “chiamata” da Spotify, la release “obbligata” di iOS 17.4 e la querelle con Epic Games. Oggi, però, la notizia che ci apprestiamo a dare riguarda invece Meta Platforms, che ha annunciato una significativa riduzione del suo abbonamento mensile per gli utenti di Facebook e Instagram, portandolo da 9,99 euro a 5,99 euro.

Non si tratta però di uno slancio di generosità di Zuckerberg, quanto di un tentativo di mitigare le preoccupazioni sollevate dai regolatori europei in materia di privacy e di antitrust. L’iniziativa arriva infatti in seguito a una serie di contestazioni da parte di gruppi attivi nella difesa della privacy e dei diritti dei consumatori riguardo al modello di sottoscrizione di Meta, in Europa. Tale modello, che dietro il pagamento di un corrispettivo rimuove la pubblicità, è stato criticato poiché di fatto costringe gli utenti a pagare al fine di tutelare la propria privacy.

Scegliendo di sottoscrivere l’abbonamento in Europa per utilizzare Facebook e Instagram senza pubblicità, Meta infatti non elabora più i dati personali degli utenti. Questi, infatti, vengono utilizzati per erogare pubblicità personalizzata ma è chiaro che in sua assenza, Meta non ha più motivo di raccoglierli.

Il lancio di questo servizio a novembre si era reso necessario per adeguarsi al Digital Markets Act (DMA), una normativa che limita la capacità dell’azienda di personalizzare le pubblicità senza il consenso esplicito degli utenti, intaccando una delle principali fonti di entrate di Meta.

L’azienda ha spiegato che la nuova struttura tariffaria intende trovare un compromesso tra le rigide richieste delle leggi europee sulla privacy e le disposizioni del DMA. “Da tempo desideravamo accelerare questo processo per raggiungere una situazione di equilibrio… pertanto, abbiamo proposto di abbassare il prezzo da 9,99 a 5,99 euro per un singolo account e a 4 euro per ogni account aggiuntivo”, ha affermato Tim Lamb, avvocato di Meta, durante un’audizione presso la Commissione Europea. “Siamo convinti che questa sia la fascia di prezzo più bassa che qualsiasi persona ragionevole possa aspettarsi di pagare per servizi di questa qualità. Riteniamo che sia un’offerta concreta. L’attuale incertezza normativa necessita di essere rapidamente chiarita”.

L’attivista austriaco per la privacy Max Schrems ha però sottolineato che la questione non riguarda la quota di iscrizione. “In realtà, il nocciolo della questione non è l’importo da pagare, ma piuttosto l’approccio complessivo ‘pagare o accettare’. L’obiettivo di ‘pagare o accettare’ è di spingere gli utenti a scegliere di accettare, anche quando questa opzione non rappresenta la loro libera e autentica volontà. Non crediamo che il semplice adeguamento dell’importo renda questo metodo conforme alla legge”.

Meta ha proposto l’offerta modificata ai regolatori all’inizio dell’anno ed è attualmente in fase di negoziazione con le autorità per la protezione dei dati, in particolare con l’organo di controllo irlandese. Le aziende che violano il DMA rischiano multe fino al 10% del loro fatturato globale annuo.

Ma, dice il saggio, “se il servizio è gratis, il prodotto sei tu”. E se da un lato si possono comprendere le obiezioni dell’Unione Europea e di Max Schrems, dall’altro va ricordato che Facebook è da sempre un servizio gratuito proprio perché si regge sulle pubblicità. Pretendere che Facebook eroghi comunque un servizio gratuito senza però il beneficio della rivendita pubblicitaria, pare dunque poco realistico. Anche perché quello di Zuckerberg non è un servizio di prima necessità, né Meta è un’azienda no-profit…

POTREBBE INTERESSARTI

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell'intelligenza artificiale, settore in cui è leader grazie ai suoi processori di fascia alta, Nvidia ha infranto un nuovo...
I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

di Apple Intelligence vedrà la collaborazione tra Apple e OpenAI.
,

Apple Intelligence: come funzionerà l’accordo con OpenAI?

Superato l’annuncio della WWDC 2024, restano aperti molti interrogativi non solo sul presente ma anche sul futuro di Apple Intelligence. Ecco quali…

Google investe nel geotermico di Warren Buffet

Google investe nel geotermico di Buffet per il datacenter del Nevada

L’accordo con NV Energy e Fervo Energy fornirà 115 megawatt di energia geotermica ai data center di Google nel Nevada

Brad Smith, presidente di Microsoft

Microsoft al Congresso: “responsabili per gli attacchi di Cina e Russia”

Brad Smith, presidente di Microsoft: “Ogni problema riscontrato è colpa nostra”.

Elon Musk ha ritirato la causa contro OpenAI
,

Elon Musk ritira la causa contro OpenAI

Tanto tuonò che… non piovve.

Aerei solari, la nuova frontiera della sorveglianza e delle telecomunicazioni

Aerei solari, la nuova frontiera di sorveglianza e telecomunicazioni

Sono leggerissimi, consumano come un asciugacapelli, possono restare in volo per lunghissimo tempo e offrono servizi migliori rispetto a palloni sonda e satelliti. Ecco...
Elon Musk minaccia il divieto di accesso ai dispositivi Apple con OpenAI

Elon Musk minaccia il divieto ai dispositivi Apple con OpenAI nei suoi stabilimenti

L’imprenditore critica duramente la scelta di Apple di collaborare con OpenAI, sollevando preoccupazioni su privacy e sicurezza.

Apple punta forte sull'IA con Apple Intelligence
,

Apple Intelligence: ecco le nuove funzionalità IA per iPhone e Mac

Siri Conversazionale, Genmoji e l’accesso a GPT-4o. Il colosso di Cupertino prova a rilanciarsi nella corsa all’intelligenza artificiale con Apple...
Share This