La startup Lumen Orbit vuole portare i data center in orbita

da | 14 Mar 2024 | Aerospace

Lumen Orbit, una startup nata solo tre mesi fa con sede a Bellevue, nello stato di Washington, afferma di aver chiuso un primo contratto di finanziamento da 2,4 milioni di dollari per avviare il suo progetto volto a inviare in orbita centinaia di satelliti, con l’obiettivo di elaborare dati nello spazio per poi inviarli ai clienti sulla Terra.

Tra gli investitori che hanno deciso di scommettere sulla compagnia figurano un gran numero di società di venture capital, e il successo riscosso da Lumen Orbit in questa prima fase è stato davvero notevole. Stando a quanto dichiarato dal CEO e co-fondatore di Lumen, Philip Johnston, è stato raccolto il triplo del target iniziale. Gli altri cofondatori di Lumen sono il chief technology officer Ezra Feilden (il cui curriculum include esperienze ingegneristiche presso Oxford Space Systems e Airbus Defence and Space) e l’ingegnere capo Adi Oltean, che ha lavorato come software engineer presso Starlink.

“Essenzialmente, altri satelliti invieranno alla nostra costellazione i dati grezzi che raccolgono”, spiega Oltean. “Utilizzando le nostre GPU integrate, eseguiremo modelli di intelligenza artificiale per estrarre informazioni. Ciò consentirà di risparmiare larghezza di banda in downlink di grandi quantità di dati grezzi, e i di ottimizzare i costi associati e la latenza”.

Il piano aziendale di Lumen prevede il dispiegamento di circa 300 satelliti in un’orbita terrestre molto bassa, ad un’altitudine di circa 315 chilometri. Il primo satellite sarà un modello di prova da 60 chilogrammi il cui lancio è previsto per maggio 2025 grazie a un razzo Falcon 9 di SpaceX.

Attualmente Lumen avrebbe già siglato alcuni accordi per un valore di oltre 30 milioni di dollari, ed il finanziamento preliminare consente già di lanciare un prototipo in grado di generare entrate in 16 mesi. Per il 2025 è previsto il lancio di un modello finale, a cui faranno seguito il primo piano orbitale di otto satelliti e i primi cinque anelli orbitali.

I fondatori di Lumen Space non sono gli unici a puntare su di una simile tecnologia: ASCEND, un progetto finanziato dall’Unione Europea, sta esaminando la fattibilità della creazione di una flotta di data center spaziali. Axiom Space, con sede in Texas, afferma di stare collaborando con Kepler Space e Skyloom per creare un data center orbitale sul primo modulo spaziale di Axiom, il cui lancio è previsto nel periodo 2026-2027.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Share This