Un appassionato rivela la posizione dello X-37B, il segretissimo spazioplano militare degli USA

da | 12 Feb 2024 | Aerospace

L’X-37B è un veicolo spaziale militare riutilizzabile, simile a uno shuttle, sviluppato da Boeing per l’US Air Force. Le sue missioni segrete durano mesi, e orbita attorno alla Terra a quote altissime. Le sue reali capacità e scopi rimangono avvolti nel mistero, alimentando speculazioni su tecnologie avanzate per la ricognizione, la sorveglianza, la guerra elettronica e persino il dispiego di armi spaziali.

Ebbene, un appassionato di osservazione satellitare potrebbe aver in parte svelato i misteri dell’ultima missione dello X-37B. Lanciato il 28 dicembre, il veicolo spaziale semi-segreto americano ha suggestionato gli appassionati per via del fatto che è stato portato in orbita a bordo di un imponente razzo SpaceX Falcon Heavy, superiore in dimensioni ai razzi precedentemente utilizzati per lo X-37B. Ciò suggerirebbe una traiettoria orbitale più elevata.

Tomi Simola, residente nei pressi di Helsinki, in Finlandia, ha condiviso sui social media e su SeeSat-L, un noto forum online per gli appassionati di tracciamento satellitare, la sua scoperta di un oggetto non identificato. La sua telecamera specializzata, progettata per monitorare il cielo in cerca di movimenti spaziali, ha catturato immagini di quello che sembra essere lo X-37B.

Le osservazioni di Simola, confermate da Mike McCants, esperto osservatore satellitare e co-amministratore di SeeSat-L, suggeriscono che lo spazioplano stia operando in un’orbita ellittica estremamente varia, tra i 323 e i 38.838 chilometri di altitudine, e inclinata di 59,1 gradi rispetto all’equatore. Questi dati corrispondono alle previsioni fatte dalla comunità di appassionati prima del lancio, basate sulla traiettoria prevista del Falcon Heavy.

Nonostante il silenzio della Space Force USA sull’orbita esatta dello X-37B, gli osservatori amatoriali hanno impiegato circa sei settimane per localizzarlo, un periodo più lungo rispetto alle missioni precedenti a quote inferiori. La difficoltà di occultare completamente la traiettoria dell’X-37B suggerisce che i potenziali avversari internazionali potrebbero essere già a conoscenza della sua posizione.

I dettagli specifici delle missioni dello X-37B rimangono un segreto ben custodito, con annunci ufficiali limitati ai momenti precedenti ai lanci e seguenti agli atterraggi. Questa è la settima missione dell’X-37B dall’inizio del programma nel 2010, con l’attuale volo incentrato su una serie di test sperimentali e l’esplorazione di nuove orbite.

Gli X-37B, costruiti da Boeing e noti anche come Orbital Test Vehicles, sono veicoli riutilizzabili progettati per trascorrere anni nello spazio, sfruttando l’energia solare, e capaci poi di atterrare su piste lunghe tre miglia. Questi spazioplani, simili a una versione ridotta dello Space Shuttle della NASA, possono portare carichi utili nella loro stiva e moduli di servizio per esperimenti aggiuntivi e il dispiegamento di piccoli satelliti.

La Space Force ha rivelato che i carichi utili attuali includono tecnologie per il “dominio spaziale” e un esperimento della NASA sull’effetto delle radiazioni spaziali sui semi delle piante. Mentre le speculazioni sulla funzione dello X-37B variano, va notato che questa missione sta seguendo un’orbita simile a quella utilizzata dai satelliti della Space Force per la rilevazione dei lanci missilistici.

In conclusione, sebbene il velo di segretezza intorno allo X-37B rimanga, la recente scoperta amatoriale fornisce nuove informazioni sulla sua orbita, svelando alcuni dettagli di questo suggestivo veicolo spaziale militare.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Share This