Ex ingegnere denuncia Meta: “Licenziato per aver gestito contenuti su Gaza”

da | 5 Giu 2024 | Tech

Si è portati a pensare che politica e tecnologia siano due cose distinte ma non sempre è così. E se siete lettori abituali di TechTalking, ricorderete il caso di Project Nimbus e del licenziamento di 28 dipendenti di Google.

A distanza di neppure due mesi, ecco un nuovo caso, riportato da Reuters. Secondo cui  Ferras Hamad, ex ingegnere di Meta, ha citato in giudizio il colosso dei social media per discriminazione e licenziamento illecito, sostenendo che la sua difesa dei contenuti palestinesi su Instagram gli sia costata il posto di lavoro.

Hamad, un ingegnere palestinese-americano che ha lavorato nel team di machine learning di Meta dal 2021, afferma che la sua attività per risolvere un bug che sopprimeva i post palestinesi è stata la causa del suo licenziamento avvenuto a febbraio. Nella denuncia presentata in un tribunale della California, Hamad accusa Meta di una politica di pregiudizi contro i palestinesi, inclusa la cancellazione di comunicazioni interne che menzionavano la morte dei loro parenti a Gaza.

L’azienda avrebbe anche condotto indagini sull’uso dell’emoji della bandiera palestinese, cosa che non è mai accaduta ai dipendenti che in passato hanno usato le emoji delle bandiere israeliana o ucraina.

Il conflitto a Gaza è riesploso dopo che militanti di Hamas hanno attaccato Israele il 7 ottobre, causando oltre 1.200 morti e numerosi ostaggi. La reazione di Israele ha provocato oltre 36.000 morti a Gaza, secondo le autorità sanitarie locali, e ha innescato una crisi umanitaria.

Dall’inizio della guerra, Meta è già stata accusata di censurare espressioni di sostegno per i palestinesi. Gruppi per i diritti umani hanno più volte criticato la moderazione dei contenuti riguardanti il conflitto israelo-palestinese. E circa 200 dipendenti di Meta hanno espresso preoccupazione in una lettera aperta indirizzata al CEO Mark Zuckerberg.

Hamad sostiene che il suo licenziamento sia legato a un evento critico avvenuto a dicembre, durante il quale ha riscontrato restrizioni sui contenuti postati da una personalità palestinese su Instagram, che impedivano ai post suoi di apparire nelle ricerche e nei feed.

Nello specifico, un video del fotoreporter palestinese Motaz Azaiza, il cui account Instagram è comunque operativo, era stato erroneamente classificato come pornografico nonostante mostrasse un edificio distrutto a Gaza.

Sebbene avesse già lavorato a criticità simili relative a tematiche quali Israele, Gaza e Ucraina, Hamad sostiene di essere stato licenziato da Meta per aver tentato di correggere bug. Questo nonostante il suo manager in seguito abbia confermato per iscritto che l’operato rientrava nelle sue funzioni lavorative.

Meta ha giustificato il licenziamento di Hamad sostenendo che avrebbe violato una politica aziendale, che vieta ai dipendenti di lavorare su account di persone conosciute personalmente. Hamad nega qualsiasi legame personale con Azaiza.

Meta non ha risposto alle richieste di commento da parte di Reuters. E per quanto ci riguarda, la nostra inserzione su Facebook relativa all’articolo di Project Nimbus è stato respinta da Meta.

POTREBBE INTERESSARTI

L'UE la sfida sul rispetto del DMA

Apple sotto accusa: l’UE la sfida sul rispetto del Digital Markets Act

La Commissione Europea avvia procedimenti per violazione del Digital Markets Act. Apple rischia una multa a partire da 38 miliardi di dollari.

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Share This