Windows Recall: Microsoft corre ai ripari

da | 9 Giu 2024 | Tech

Ci sono innovazioni che, quando vengono annunciate, paiono imprescindibili e ci si domanda come si sia riusciti a vivere senza. Altre, invece, delle quali non si sentiva alcun bisogno.

La nuova funzionalità Recall di Windows 11, per chi scrive, rientra tranquillamente nella seconda categoria, sebbene l’eccitazione con cui Satya Nadella l’ha annunciata quasi fa venire il dubbio di essere miopi.

Ma in cosa consiste Recall? Ebbene, si tratta di un modello di intelligenza artificiale che lavora in locale sui nuovi PC della serie Copilot Plus, concepiti quindi per l’intelligenza artificiale sin dall’hardware. E che cattura screenshot di quasi tutto ciò che avviene sul computer, permettendo di cercare e recuperare informazioni in pochi secondi attraverso una timeline esplorabile.

La precisazione che questo modello lavora in locale è importante perché permette a Microsoft di assicurare che tutti i dati rimarranno privati e risiederanno sul dispositivo, senza essere inviati su chissà quale server e venire utilizzati per addestrare i modelli di intelligenza artificiale dell’azienda.

Questa applicazione “orwelliana” dell’intelligenza artificiale, che non solo vede tutto quello che facciamo sul nostro computer ma lo “fotografa”, ha fatto correre un brivido lungo la schiena a sostenitori della privacy e agli esperti di sicurezza. Anche perché l’utente medio non è che abbia questo bisogno di ricordare con esattezza cosa stesse facendo sul proprio PC in quella data e a quell’ora. A meno che non si trovi al commissariato e si veda porre la più classica delle domande da film poliziesco.

Ora però Microsoft sta correndo ai ripari. E non tanto perché il pubblico su internet e sui social ha rumoreggiato, quanto perché un esperto di sicurezza informatica, Kevin Beaumont, pochi giorni fa ha scoperto che il database di Recall veniva memorizzato in testo semplice, esponendolo a potenziali attacchi malware. Strumenti come TotalRecall e NetExec, pensati proprio per esfiltrare i dati di Recall, hanno dunque evidenziato la necessità di proteggere con più attenzione  il database attraverso una crittografia completa.

Inizialmente prevista per essere attivata di default, Microsoft ha ora annunciato che la funzionalità Recall sarà opzionale. Durante il processo di configurazione dei nuovi PC Copilot Plus, quindi, gli utenti avranno la possibilità di disattivare Recall. “Se non la attivi proattivamente, sarà disattivata di default”, ha dichiarato a The Verge Pavan Davuluri, responsabile di Windows.

Per attivare Recall sarà poi necessario l’uso di Windows Hello, che richiede l’autenticazione tramite volto, impronta digitale o PIN. “Inoltre, sarà necessaria una prova della propria presenza per visualizzare la timeline e cercare in Recall”, ha spiegato Davuluri. Questo, ovviamente, per garantire che nessuno possa accedere da remoto alla nostra timeline, senza autenticarsi.

La protezione dei dati sarà ulteriormente rafforzata con la decrittazione “just in time” protetta da Windows Hello Enhanced Sign-in Security (ESS), che renderà gli snapshot accessibili solo dopo l’autenticazione dell’utente. “Abbiamo anche crittografato il database dell’indice di ricerca”, ha aggiunto Davuluri.

Una mole non indifferente di passaggi per una funzionalità accessoria che, curiosamente, è stata sviluppata nell’ambito della nuova Secure Future Initiative (SFI). Che sebbene sia volta a migliorare la sicurezza del software dopo i recenti attacchi al cloud Azure, ha avuto bisogno di ricercatori di sicurezza esterni per segnalare i problemi di Recall che, evidentemente, erano sfuggiti ai controlli interni di Microsoft.

Recall sarà disponibile solamente sui nuovi PC Copilot Plus, dotati di avanzate protezioni firmware e del processore di sicurezza Pluton. E se già molti sono riluttanti a dare a Microsoft il consenso a monitorare le proprie attività per “migliorare il servizio”, saremo curiosi di scoprire quanti attiveranno volontariamente l’occhio di Sauron propostoci da Satya Nadella.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

Share This