La Corolla di Toyota cattura CO2 in movimento

da | 3 Mar 2024 | Automotive

Nonostante la prudenza di Toyota nel passare completamente all’elettrico, decisione che peraltro trova l’appoggio di alcuni esperti del settore, l’azienda sta ricercando soluzioni tecnologiche verdi alternative. L’obiettivo di uno dei suoi progetti in fase di sviluppo è non solo di incrementare la sostenibilità ambientale dei suoi ultimi modelli, ma anche di mitigare l’impatto ecologico lasciato dai vecchi motori a combustione interna.

L’innovazione in questione riguarda dei filtri che Toyota sta progettando per essere montati sulla parte anteriore delle auto, con lo scopo di assorbire il diossido di carbonio direttamente dall’atmosfera. La sperimentazione di questa idea sta avvenendo sulla GR Corolla a idrogeno, un veicolo da corsa dell’azienda. Le valutazioni preliminari da parte di Toyota indicano che tale innovazione potrebbe non solo neutralizzare ma addirittura invertire l’emissione di carbonio dei suoi veicoli, rendendoli potenzialmente “carbonio negativi”.

Questo sistema si distingue per la sua efficienza energetica, funzionando senza bisogno di energia supplementare. Utilizza filtri circolari che, posizionati all’ingresso dell’aria del veicolo, catturano la CO2, che viene poi trasformata in liquido grazie al calore residuo del motore, permettendo un facile smaltimento. Ciò significa che la tecnologia potrebbe essere applicata anche ai tradizionali motori a combustione, oltre a quelli a idrogeno.

Toyota immagina di realizzare veicoli capaci di purificare l’aria mentre si muovono, sebbene la realizzazione pratica di questa tecnologia sia ancora lontana. Nei test effettuati, i filtri hanno raccolto soltanto 20 grammi di CO2 dopo 20 giri di pista, equivalenti a 91 km. Questo risultato, pur essendo un buon inizio, è alquanto modesto se paragonato alle emissioni medie di CO2 dei motori a benzina, che ammontano a 8.887 grammi per ogni gallone (3,785 litri) di carburante consumato.

L’utilizzo di filtri più grandi potrebbe incrementare la quantità di CO2 assorbita ma la loro installazione su veicoli passeggeri potrebbe rivelarsi complicata. Diversa sarebbe la situazione impiegandoli sui veicoli commerciali, come i camion di Hino di Toyota, migliorando così le prospettive di sviluppo di questa tecnologia.

Uno dei problemi ancora irrisolti riguarda il trattamento sicuro del liquido contenente la CO2 catturato. Inoltre, la gestione attuale della tecnologia risulta poco pratica: nella GR Corolla utilizzata per i test, era necessario sostituire manualmente i filtri ad ogni pit stop, sollevando questioni relative alla gestione dei rifiuti.

A dispetto di queste sfide, se Toyota riuscirà a perfezionare una tecnologia che assorbe attivamente la CO2 dall’aria durante la normale guida, potrebbe essere un significativo passo avanti verso la sostenibilità.

POTREBBE INTERESSARTI

Le assicurazioni monitorano segretamente la nostra guida?

Le assicurazioni monitorano segretamente la nostra guida?

L’industria assicurativa, sempre alla ricerca di nuove informazioni su come guidiamo, negli Stati Uniti ha trovato alleati preziosi nei produttori di automobili e...
Il pacchetto retributivo da 56 miliardi di dollari di Elon Musk è stato riapprovato. Foto: Apu Gomes/Getty Images

Gli azionisti di Tesla approvano il bonus da $56 miliardi di Elon Musk

Ieri gli azionisti di Tesla hanno riapprovato il pacchetto retributivo di Elon Musk, che lo renderà il dirigente più pagato della storia. Telenovela finita, dunque? In...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
BYD rivoluziona l'ibrido: 2.000 km di autonomia!

BYD rivoluziona l’ibrido: 2.000 km di autonomia!

La nuova tecnologia di BYD promette viaggi da Monaco a Madrid senza dover fare rifornimento. È la soluzione all’ansia da autonomia che affligge...
Lucid Motors licenzia 400 dipendenti

Ristrutturazione in Lucid Motors: licenziati 400 dipendenti

L’azienda riduce del 6% la sua forza lavoro in vista della presentazione entro fine anno del Gravity, il suo primo SUV elettrico.

Le macchine di Waymo avrebbero dato segnalazioni di "disobbedienza".

USA: le autorità indagano su comportamenti anomali di Waymo

Gli investigatori federali valutano la sicurezza delle macchine di Waymo dopo segnalazioni di “disobbedienza”.

Alex Kendall è il CEO di Wayve

Wayve, la startup di guida autonoma, riceve finanziamenti per $1 miliardo

La startup britannica Wayve riceve un massiccio sostegno finanziario guidato da SoftBank e Nvidia.

Tesla

Tesla, ancora tagli: eliminati i team Supercharger e nuovi veicoli

Secondo The Informer, Tesla si appresta a ridurre i costi con una nuova ondata di licenziamenti. Che però sarebbero sorprendenti, in quanto riguarderebbero settori...
Elon Musk ieri è volato a Pechino domenica per una visita al premier Li Qiang. Che per Tesla potrebbe essere piuttosto importante.

Perché la visita di Elon Musk in Cina è importante

Elon Musk è volato a Pechino domenica per una visita al premier Li Qiang. Che per Tesla potrebbe essere piuttosto importante.

Col lancio imminente del Tesla Network, Elon Musk entra nel mercato del trasporto privato con un'offerta completamente autonoma.

Tesla sfida Uber: ecco la nuova app per la mobilità autonoma

Col lancio imminente del Tesla Network, Elon Musk entra nel mercato del trasporto privato con un’offerta completamente autonoma.

Share This