T-Flight: l’Hyperloop cinese viaggia oltre i 623 km/h

da | 7 Feb 2024 | Tech

La China Aerospace Science and Industry Corporation (CASIC), la più grande azienda cinese produttrice di missili, sta provando a riportare in vita un sogno ormai tramontato in Occidente: Hyperloop. L’azienda ha infatti annunciato un traguardo significativo: un veicolo maglev di nome T-Flight avrebbe raggiunto la velocità record di oltre 623 km/h all’interno di un tubo “a basso vuoto” lungo solamente 2 km.

Nonostante Hyperloop sia spesso stato criticato dal mondo della tecnologia, questo progetto potrebbe rappresentare un salto verso il futuro, promettendo trasporti ad alta velocità e con grande efficienza. Tuttavia, rimangono delle sfide pratiche non indifferenti da superare.

Il concetto dell’Hyperloop è in un certo senso una rivisitazione moderna dei vecchi sistemi di posta pneumatica, ma su una scala molto più ampia. L’idea è di utilizzare treni a levitazione magnetica in tunnel praticamente sottovuoto, eliminando così l’attrito dell’aria e permettendo velocità estremamente elevate, potenzialmente fino a Mach 5.

Nonostante le prospettive affascinanti, rimangono questioni aperte riguardo i costi elevati per la realizzazione dei treni maglev e delle infrastrutture richieste, oltre ai problemi tecnici di mantenere un tubo costantemente sotto vuoto. In recenti test, il veicolo T-Flight di CASIC avrebbe comunque compiuto la sua prima corsa stabile in levitazione magnetica, spingendosi oltre i 623 km/h.

Il sito New Atlas, dal quale riprendiamo la news, stima che con 500 metri disponibili per una frenata controllata, il prototipo potrebbe aver spinto l’accelerazione a poco oltre 1G per circa 17 secondi, prima di decelerare bruscamente fino a circa 3G. Un’alternativa potrebbe essere stata un’accelerazione più marcata, fino a circa 2G, raggiungendo il picco di velocità a metà del tubo per poi rallentare similmente a 2G. Il che sarebbe senza dubbio un risultato notevole.

CASIC ha dichiarato che la piattezza della pista di prova utilizzata rientra in una tolleranza di soli 0,3 mm, e che i tubi sottovuoto del diametro di 6 metri presentano una variazione dimensionale inferiore ai 2 mm. Interessante è anche la capacità di riportare l’intero sistema alla pressione atmosferica normale in soli cinque minuti.

Sebbene CASIC abbia commentato i risultati del test con grande soddisfazione, il progetto è lontano dall’essere completo. La prossima fase prevede l’estensione della pista fino a 60 km, per testare il treno a velocità che sfiorino i 1.000 km/h, superando quella degli aerei commerciali. A queste velocità, un ipotetico collegamento tra Datong e Pechino sarebbe capace in futuro di ridurre la percorrenza da quattro ore a meno di trenta minuti.

Le ambizioni di CASIC si spingono poi oltre, come dimostrato da un video di sei anni fa che illustra un collegamento Wuhan-Pechino a 2.000 km/h (Mach 1.6). Tuttavia, l’azienda sembra ben consapevole delle sfide e delle praticità di tali progetti.

Al tempo stesso, non vanno trascurati alcuni elementi che potrebbero decretare il successo di questa iniziativa. Con un fatturato di 34 miliardi di dollari nel 2017 e il sostegno del governo cinese, il progetto sembra avere buone possibilità di riuscita. La vasta popolazione della Cina, con oltre 1,412 miliardi di persone, potrebbe giustificare economicamente un sistema di trasporto pubblico così costoso. E le lamentele dei proprietari dei terreni lungo cui dovrebbero sfrecciare i treni, da quelle parti difficilmente possono divenire un ostacolo.

POTREBBE INTERESSARTI

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell'intelligenza artificiale, settore in cui è leader grazie ai suoi processori di fascia alta, Nvidia ha infranto un nuovo...
I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

di Apple Intelligence vedrà la collaborazione tra Apple e OpenAI.
,

Apple Intelligence: come funzionerà l’accordo con OpenAI?

Superato l’annuncio della WWDC 2024, restano aperti molti interrogativi non solo sul presente ma anche sul futuro di Apple Intelligence. Ecco quali…

Google investe nel geotermico di Warren Buffet

Google investe nel geotermico di Buffet per il datacenter del Nevada

L’accordo con NV Energy e Fervo Energy fornirà 115 megawatt di energia geotermica ai data center di Google nel Nevada

Brad Smith, presidente di Microsoft

Microsoft al Congresso: “responsabili per gli attacchi di Cina e Russia”

Brad Smith, presidente di Microsoft: “Ogni problema riscontrato è colpa nostra”.

Elon Musk ha ritirato la causa contro OpenAI
,

Elon Musk ritira la causa contro OpenAI

Tanto tuonò che… non piovve.

Aerei solari, la nuova frontiera della sorveglianza e delle telecomunicazioni

Aerei solari, la nuova frontiera di sorveglianza e telecomunicazioni

Sono leggerissimi, consumano come un asciugacapelli, possono restare in volo per lunghissimo tempo e offrono servizi migliori rispetto a palloni sonda e satelliti. Ecco...
Elon Musk minaccia il divieto di accesso ai dispositivi Apple con OpenAI

Elon Musk minaccia il divieto ai dispositivi Apple con OpenAI nei suoi stabilimenti

L’imprenditore critica duramente la scelta di Apple di collaborare con OpenAI, sollevando preoccupazioni su privacy e sicurezza.

Apple punta forte sull'IA con Apple Intelligence
,

Apple Intelligence: ecco le nuove funzionalità IA per iPhone e Mac

Siri Conversazionale, Genmoji e l’accesso a GPT-4o. Il colosso di Cupertino prova a rilanciarsi nella corsa all’intelligenza artificiale con Apple...
Share This