OpenAI tenta la conquista di Hollywood con Sora

da | 25 Mar 2024 | IA

Che Sam Altman abbia una marcia in più, è una constatazione. Così come lo è il fatto che è anche particolarmente ambizioso. L’unione di queste due  osservazioni “spiega” la news di oggi, che vuole OpenAI mirare ad affermarsi nel settore cinematografico.

L’azienda di ChatGPT, stando a Blooomberg, avrebbe infatti organizzato una serie di incontri a Los Angeles questa settimana con studios di Hollywood, esponenti di spicco del mondo dei media e talent agency.

L’obiettivo è stabilire partnership nel mondo dell’entertainment e stimolare i cineasti ad adottare nelle loro produzioni il rivoluzionario Sora. L’iniziativa sarebbe stata confermata da fonti interne, che hanno preferito mantenere l’anonimato.

L’incursione di OpenAI nel mondo del cinema non è che l’ultima di una serie di attività di networking avviate nelle scorse settimane. A fine febbraio, infatti, il Chief Operating Office, Brad Lightcap, affiancato da alcuni collaboratori, avrebbe introdotto a Hollywood le potenzialità di Sora. Pochi giorni dopo il CEO di OpenAI, Sam Altman, avrebbe invece preso parte ad alcuni eventi nel corso del weekend dedicato agli Academy Awards.

La presentazione di Sora, avvenuta a metà febbraio, ha mostrato una serie di sorprendenti clip in alta definizione che hanno immediatamente catalizzato l’attenzione dell’industria cinematografica e tecnologica (e demoralizzato Tyler Perry).

Sebbene Sora non sia ancora accessibile al grande pubblico, OpenAI ha già permesso ad attori e registi di provarlo. “OpenAI segue una strategia di collaborazione con l’industria del cinema, attuando un processo di implementazione progressiva degli aggiornamenti, così da garantire una loro applicazione sicura e di anticipare le prospettive future”, ha dichiarato un portavoce. “Siamo entusiasti all’idea di proseguire il dialogo con artisti e professionisti del settore creativo.”

Va però ricordato che l’intelligenza artificiale ha sollevato numerosi dibattiti a Hollywood. Se da un lato molti professionisti del cinema ne riconoscono le potenzialità e si affidano già all’IA per le fasi di pre-produzione e post-produzione, dall’altro sono in molti a nutrire preoccupazioni riguardo all’impatto che avrà su numerose professioni all’interno del settore. Non a caso, lo scorso anno, sceneggiatori e attori hanno indetto uno sciopero volto anche a chiedere tutele nell’utilizzo di questa tecnologia.

A ciò si aggiungono le reticenze delle media company, che dimostrano cautela riguardo alla possibilità che OpenAI utilizzi le loro produzioni per addestrare i propri modelli, senza offrire in cambio adeguati compensi. Secondo quanto riportato da Bloomberg, però, alcune realtà come CNN, Fox Corp. e Time Magazine avrebbero avviato trattative per la licenza dei loro contenuti a OpenAI.

Sam Altman si fa dunque avanti con Hollywood ma in realtà, per alcuni, starebbe solo cercando di recuperare il tempo perduto, visto che colossi come Meta e Google hanno già presentato progetti di ricerca per convertire testi in video. Anche un numero crescente di startup ben finanziate, tra cui Runway AI, Pika e Stability AI, stanno esplorando questa tecnologia.

La prospettiva di partnership future tra OpenAI e i giganti di Hollywood potrebbe non solo rafforzare la posizione dell’azienda nell’arena tecnologica ma anche rivoluzionare il modo in cui film e contenuti vengono creati, offrendo agli artisti strumenti inediti per esprimere la loro visione. Al tempo stesso, porta con sé anche una serie di sfide e interrogativi capaci di sconvolgere gli equilibri di Hollywood. Ne vedremo delle belle, non solo al cinema.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This