Rabbit R1: il dispositivo AI che promette di andare oltre gli smartphone

da | 11 Gen 2024 | Tech

In un panorama tecnologico mai così in evoluzione come di questi tempi, una nuova startup sta attirando l’attenzione con un prodotto che potrebbe riscrivere le regole del gioco. Rabbit, fondata dal visionario CEO Jesse Lyu, ha recentemente mostrato al CES di Las Vegas il suo prodotto di punta, l’R1, un dispositivo di intelligenza artificiale che promette di andare oltre le funzionalità tradizionali degli smartphone.

Al prezzo di 199 dollari, il Rabbit R1 non mira a sostituire immediatamente i telefoni cellulari, eppure le sue caratteristiche innovative suggeriscono che ciò potrebbe accadere nel lungo termine. Con un design che ricorda una console degli anni ’90, l’R1 combina estetica retrò e tecnologia all’avanguardia. È dotato di un touchscreen da 2,88 pollici, una fotocamera rotante e un’interfaccia utente che include una rotellina/pulsante di scorrimento, che si utilizza per navigare e interagire con l’assistente virtuale integrato.

Progettato in collaborazione con lo studio di design Teenage Engineering, al di là del suo guscio esteticamente piacevole ma un po’ troppo colorato e giocattoloso per finire nelle tasche di tutti, l’R1 nasconde una potenza notevole. Equipaggiato con un processore MediaTek da 2,3 GHz, 4 GB di memoria e 128 GB di spazio di archiviazione, questo dispositivo sta bene in mano. E chi l’ha provato, lo descrive sorprendentemente leggero, con un’eccellente qualità costruttiva e molto reattivo nel rispondere agli input. La durata delle batterie, invece, pare essere di un giorno intero.

Il fulcro dell’R1 è il suo sistema operativo, il Rabbit OS, alimentato da una tecnologia AI rivoluzionaria. A differenza di altri prodotti di IA basati sui Large Language Model (LLM), il Rabbit OS utilizza un Large Action Model (LAM), ossia un “modello di azione di grandi dimensioni”.

Al di là dell’accattivante neologismo, si cela un prodotto che nelle intenzioni vuole funzionare come l’antitesi degli smartphone, dove a ogni bisogno corrisponde un’app. Il Rabbit, al contrario, si propone come la materializzazione di ChatGPT o Bard, gestendo grazie alla sua IA una vasta gamma di compiti quali musica, videochiamate, ordinazioni online e molto altro. Non ha bisogno delle app: ci pensa lui in tempo reale a trovare la soluzione.

 

Un aspetto innovativo dell’R1 è la sua capacità di imparare da interazioni umane predefinite. Ad esempio, il dispositivo è stato allenato a utilizzare app come Spotify e Uber, acquisendo conoscenze su come funzionano queste piattaforme. L’R1 dispone anche di una modalità di allenamento dedicata, che consente agli utenti di insegnare al dispositivo nuove competenze che poi può replicare autonomamente.

Mentre l’R1 ha già suscitato grande interesse, con le prime 10.000 unità esaurite e i preordini già aperti per la prossima fornitura, resta da vedere come questo dispositivo si adatterà alle esigenze e alle abitudini quotidiane degli utenti. L’R1 rappresenta un passo audace nel campo dell’intelligenza artificiale, portando la tecnologia oltre i confini dei dispositivi esistenti.

La visione di Rabbit, sebbene ancora da definire in dettaglio, sembra puntare a un futuro in cui un singolo dispositivo possa integrare e gestire una miriade di funzioni, trasformandosi in un vero e proprio assistente personale all-in-one. Ma non va dimenticato che la larga parte di ciò che propone può essere già ottenuta oggi sui propri smartphone appoggiandosi all’app di ChatGPT o a Bard.

E che qualora questa intuizione avesse successo, nulla vieterà ad Apple e Google di ripensare i loro dispositivi in modo da cannibalizzare quanto di buono immaginato da Jesse Lyu.

POTREBBE INTERESSARTI

L'UE la sfida sul rispetto del DMA

Apple sotto accusa: l’UE la sfida sul rispetto del Digital Markets Act

La Commissione Europea avvia procedimenti per violazione del Digital Markets Act. Apple rischia una multa a partire da 38 miliardi di dollari.

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Share This