Apple: le nuove politiche di pagamento non convincono il giudice

da | 13 Mag 2024 | Tech

Il caso Epic Games vs. Apple, in discussione da mesi a Oakland e al quale abbiamo già dedicato ben più di un articolo, torna alla ribalta con un nuovo interessante sviluppo.

Come abbiamo scritto a gennaio, Apple è stata costretta a rivedere la sua politica sui pagamenti nelle app per iOS. La decisione, emersa dopo un lungo confronto legale con Epic Games, l’ha obbligata a permettere agli sviluppatori di avvalersi di opzioni di pagamento alternative, come l’acquisto diretto dagli sviluppatori stessi.

La precedente pratica di Apple prevedeva una commissione del 30% su tutte le transazioni eseguite tramite le app per iOS, e l’impossibilità di effettuare pagamenti al di fuori dell’App Store. Da cui la causa intentata da Epic Games per le microtransazioni di Fortnite. Causa che finora non ha sortito alcun effetto.

Il giudice distrettuale statunitense Yvonne Gonzalez Rogers non ha risparmiato critiche durante l’udienza, rimproverando Apple di non aver attuato cambiamenti sostanziali. Da quasi quattro anni, infatti, la Rogers supervisiona la disputa legale tra Apple e il produttore di Fortnite, Epic Games. A oggi il bilancio è magro: Apple avrebbe ricevuto solamente 38 domande di autorizzazione a utilizzare metodi di pagamenti esterni su un totale di circa 65.000 sviluppatori. Ma non è colpa loro.

Con una mossa gattopardesca all’insegna del cambiare tutto per non cambiare niente, le commissioni sono rimaste sostanzialmente invariate, mantenendo i livelli preesistenti. Se non peggiorandoli.

Apple, infatti, nell’attuare le decisioni del giudice Rogers ha introdotto una commissione del 27% applicabile a chi voglia usare sistemi di pagamento esterni. Sommata alle tasse di transazione, risulta in un totale che supera persino il 30% storicamente riscosso dall’App Store.

La discussione si è quindi accesa quando il giudice Rogers ha messo in dubbio l’efficacia dei cambiamenti proposti da Apple, nonostante l’azienda affermi di aver implementato i rimedi antitrust ordinati dopo il processo con Epic Games nel 2021.

La mancanza di un’analisi approfondita sui costi effettivi per gli sviluppatori, nonostante la partecipazione dichiarata di un migliaio di persone nel processo decisionale, inclusi alti dirigenti come il CEO Tim Cook, ha sollevato ulteriori dubbi sulla reale volontà di Tim Cook di modificare il proprio modello di business. L’interrogativo sollevato durante l’udienza ha riguardato l’effettiva convenienza delle nuove regole per gli utenti dell’App Store, con Epic che contesta una sostanziale mancanza di benefici per gli utenti finali.

La sessione si protrarrà fino alla prossima settimana, con Apple che continua a difendere la propria posizione ed Epic che afferma il contrario. L’esito di queste udienze potrebbe avere ripercussioni significative non solo per il colosso di Cupertino ma per l’intera industria delle app, stimata in oltre 200 miliardi di dollari annuali.

POTREBBE INTERESSARTI

L'UE la sfida sul rispetto del DMA

Apple sotto accusa: l’UE la sfida sul rispetto del Digital Markets Act

La Commissione Europea avvia procedimenti per violazione del Digital Markets Act. Apple rischia una multa a partire da 38 miliardi di dollari.

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Share This