Scoperta record di antibiotici grazie all’IA

da | 8 Giu 2024 | IA

Un recente studio di César de la Fuente, direttore del Machine Biology Group dell’Università della Pennsylvania, ha mostrato un importante progresso nell’uso dell’intelligenza artificiale per la scoperta di nuovi antibiotici, offrendo una potenziale soluzione alla crescente crisi della resistenza antimicrobica.

Gli antibiotici si stanno dimostrando infatti sempre meno efficienti in un mondo che ne abusa, col risultato che la necessità di innovazioni rapide è urgente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la resistenza antimicrobica ha causato oltre 1,2 milioni di morti nel 2019, un numero che potrebbe salire a 10 milioni entro il 2050 se non si trovano soluzioni efficaci.

Lo studio di de la Fuente rappresenta il più grande sforzo mai realizzato per la scoperta di nuovi antibiotici, questo perché il processo tradizionale di scoperta è lungo e complesso, spesso richiedendo decenni di ricerche e sperimentazioni cliniche. Tuttavia, l’uso dell’intelligenza artificiale ha permesso di accelerare significativamente questo percorso. “Invece di aspettare cinque o sei anni per un candidato, ora possiamo trovarne centinaia di migliaia in poche ore“, ha dichiarato de la Fuente.

Pubblicato mercoledì sulla rivista Cell, lo studio descrive come l’IA sia stata utilizzata per esplorare la vasta diversità microbica presente sulla Terra, individuando quasi un milione di nuove molecole potenzialmente utili come antibiotici.

César de la Fuente ha spiegato che questo sistema ha permesso di analizzare l’intera diversità microbica del pianeta in un tempo record. “Senza un algoritmo del genere, gli scienziati avrebbero dovuto raccogliere campioni di acqua e suolo per anni per trovare nuove molecole”.

Ma com’è stato possibile analizzare “l’intera diversità microbica del pianeta”? Per il loro studio, i ricercatori hanno raccolto da banche dati pubbliche genomi e meta-genomi ( l’insieme dei genomi di tutti i microbi presenti in un determinato ambiente), cercando frammenti di DNA con potenziale attività antimicrobica. Hanno poi sintetizzato chimicamente 100 di queste molecole in laboratorio, testandole contro batteri pericolosi. Il 79% delle molecole si è rivelato efficace nell’uccidere almeno un microbo, aprendo la strada a nuovi potenziali antibiotici.

Nonostante le straordinarie potenzialità dell’IA, non mancano (ovviamente?) le preoccupazioni. De la Fuente ha riconosciuto che l’IA potrebbe essere usata impropriamente per creare tossine, motivo per cui il suo laboratorio ha implementato rigide misure di sicurezza per prevenire tali rischi. Tuttavia, ha rassicurato che le molecole studiate erano “inerti” e non rappresentavano una minaccia immediata.

Questo studio non è un caso isolato. Recentemente, Google DeepMind ha rilasciato AlphaFold, del quale abbiamo parlato in questo articolo, un programma che prevede l’interazione delle proteine con altre molecole, promettendo progressi in settori come la terapia del cancro e la resilienza delle colture.

L’antropologa tecnologica Lisa Messeri, dell’Università di Yale, avverte però che il machine learning non è la soluzione universale per tutti i progetti scientifici, ed esorta a una riflessione critica sull’uso di questi strumenti. A queste perplessità risponde indirettamente De la Fuente, che si dice  fiducioso che il futuro della ricerca scientifica sarà una collaborazione sinergica tra esseri umani e macchine.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This