C’è chi vuole utilizzare i deepfake a fin di bene

da | 7 Giu 2024 | IA

I deepfake sono uno degli aspetti più pericolosi e controversi delle nuove tecnologie, soprattutto adesso che con l’intelligenza artificiale è molto più facile, veloce ed efficace replicare la voce e le fattezze delle persone.

Per chi non lo sapesse con deepfake vengono definiti quei contenuti multimediali, solitamente video, che replicano in maniera realistica il volto e la voce delle persone. Basati sulle reti antagoniste generative, i deepfake vengono utilizzati per combinare e sovrapporre immagini e video per gli scopi più disparati.

C’è chi li usa per fare scherzi, facendo finta che attori o calciatori abbiano detto cose folli, ma c’è anche chi li usa per truffare gli anziani, mettere in cattiva luce i colleghi o addirittura provare a condizionare le elezioni politiche, com’è successo recentemente negli USA con le finte telefonate di Joe Biden, che invitavano gli elettori a disertare le primarie per non favorire Donald Trump.

E questo è il lato oscuro dei deepfake, una tecnologia utilizzata per ingannare le persone e far credere loro cose diverse da quello che è successo in realtà.

Secondo Aaron Painter, il CEO di Nametag, una compagnia specializzata nella verifica dell’identità digitale, finora questa tecnologia è stata utilizzata nella maniera sbagliata. “Immaginate un mondo in cui possiamo non solo rivedere gli scritti o i discorsi di figure storiche, ma interagire effettivamente con loro per comprendere meglio il contesto delle loro azioni passate, o per ottenere la loro prospettiva sugli eventi attuali”, ha affermato Painter.

In questo modo si potrebbero avere delle riproduzioni dei personaggi storici che spiegano perché alcuni monumenti sono falsi o sono stati costruiti in un epoca successiva da quella preventivata”, spiega Davi Ottenheimer, vice presidente del Trust and Digital Ethics presso Inrupt.

Oltre che a fini turistici, dove l’avere le informazioni “direttamente dalla fonte” potrebbe dare un valore in più alla visita di un monumento o di un museo, i deepfakes potrebbero avere una certa utilità a scopi medici. Per il CEO di Nametag i deepfake potrebbero essere usati per aiutare le persone a superare la morte di un caro, ricreando il suo aspetto e la sua voce in modo da aiutare le persone ad affrontare un trauma, accompagnandole durante un periodo difficile.

Alcuni studi rivelerebbero che alcune vittime di violenza sessuale abbiano risposto bene a terapie nelle quali si dava loro modo di confrontarsi con l’aggressore, replicato grazie appunto ai deepfake. Si tratta delle stesse tecnologie utilizzate dai truffatori per far credere che un parente abbia fatto o detto qualcosa, stavolta però utilizzate per aiutare qualcuno.

Anche nel caso migliore, però, quella dei deepfake resta sempre una tecnologia estremamente pericolosa. Il confine tra una “bugia a fin di bene” e una semplice menzogna è molto labile, soprattutto nel caso in cui siano coinvolte persone emotivamente fragili.

Il rischio di spingersi troppo oltre o semplicemente di scegliere la via più facile per vivere una vita di inganni, potrebbe essere sempre dietro l’angolo.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This