La blockchain per un’intelligenza artificiale più trasparente e affidabile

da | 23 Gen 2024 | IA

Basata su un registro distribuito, la blockchain consente di registrare e condividere dati in modo sicuro, senza la necessità di un’autorità centrale. È una tecnologia che offre una serie di vantaggi oggettivi: i dati conservati in essa sono immutabili e non possono essere alterati da una singola entità. Inoltre, è un sistema trasparente in quanto chiunque può accedere ai dati registrati.

Negli ultimi anni, la blockchain ha suscitato un grande interesse, soprattutto nel settore finanziario. Le criptovalute come Bitcoin ed Ethereum sono infatti basate su questa tecnologia e offrono la possibilità di effettuare transazioni in modo sicuro e decentralizzato.

Tuttavia, in tempi recenti la blockchain ha subito un certo appannamento. Il valore delle criptovalute è crollato e gli NFT, i token non fungibili che hanno rappresentato una delle applicazioni più promettenti della blockchain, hanno perso appeal.

Ciò non significa che la blockchain sia una tecnologia fallita: può essere solo che abbia bisogno di un nuovo modo di essere utilizzata. E un’idea per farlo è appena arrivata da Davos.

Uno dei problemi principali delle IA è il rischio che i dati usati per il loro addestramento contengano pregiudizi o informazioni errate. Questo implica che le risposte fornite dai sistemi di IA potrebbero essere influenzate da questi stessi pregiudizi e inesattezze.

La blockchain, secondo un’intuizione di Casper Labs, potrebbe riemergere come uno strumento cruciale per garantire trasparenza e accuratezza nei modelli di intelligenza artificiale, secondo quanto riporta CNBC. Utilizzandola, infatti, gli sviluppatori potrebbero monitorare e verificare i dati utilizzati nell’addestramento delle intelligenze artificiali.

“Il prodotto che stiamo sviluppando permette di registrare e memorizzare i set di dati sulla blockchain”, ha dichiarato Medha Parlikar, chief technology officer e co-fondatore di Casper Labs, durante un panel del World Economic Forum di Davos. “Quindi hai una traccia di come l’IA è stata addestrata. Se scopri che l’IA inizia ad avere allucinazioni, puoi effettivamente riportarla indietro e annullare parte dell’apprendimento, tornando a una versione precedente”.

Questa tecnologia, sviluppata in collaborazione con IBM, consentirebbe in sostanza di “riavvolgere” l’IA per correggere eventuali apprendimenti errati o pregiudizi acquisiti nel tempo, grazie alla tracciabilità garantita dalla blockchain.

La blockchain è stata oggetto di discussione e sperimentazione in numerosi settori, dalla finanza alla sanità. Ma Sheila Warren, CEO del Crypto Council for Innovation, si dice sicura che l’utilizzo della blockchain per verificare e bilanciare i dati di addestramento dell’IA, potrebbe rappresentare la svolta definitiva per questa tecnologia, rendendola fondamentale nel campo dell’intelligenza artificiale.

Resta però da quantificare l’impatto energetico di una simile trovata. La blockchain utilizza un processo chiamato mining, necessario per verificare le transazioni e aggiungere nuovi blocchi alla catena. Questo procedimento, è molto energivoro.

Le IA, invece, utilizzano algoritmi di apprendimento automatico che possono essere eseguiti su hardware meno potenti. Tuttavia, anche le IA richiedono molta energia, soprattutto se vengono utilizzate per eseguire attività come l’elaborazione di immagini o video. E non è un caso che, sempre da Davos, Sam Altman abbia affermato che le IA richiedono troppa energia. Suggerendo che l’unico modo per alimentarle sia passare alla fusione nucleare.

Abbiamo quasi paura, quindi, a pensare cosa potrebbe risultare dall’unione di blockchain e IA in termini di consumi energetici. E se sul piatto mettiamo anche la transizione verso la mobilità elettrica, ci interroghiamo su come sarà possibile produrre tutta l’energia di cui l’umanità avrà bisogno, in tempi non poi così lontani.

POTREBBE INTERESSARTI

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

La famiglia di modelli Nemotron-4 340B servirà per l’addestramento dei degli LLM in tutti quei casi in cui i dati reali sono costosi, difficili da ottenere o...
Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Meta sospende il lancio dei modelli di IA in Europa

Meta sospende il lancio dei modelli di IA in Europa

La scelta è dovuta alla richiesta dell’Irlanda. Delusa Meta, soddisfatte NYOB, DPC e ICO.

Dream Machine è in grado di generare 120 fotogrammi di video in 120 secondi

Dream Machine: il text-to-video di Luma Labs è già disponibile

Dream Machine è in grado di generare 120 fotogrammi di video in 120 secondi.

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

di Apple Intelligence vedrà la collaborazione tra Apple e OpenAI.
,

Apple Intelligence: come funzionerà l’accordo con OpenAI?

Superato l’annuncio della WWDC 2024, restano aperti molti interrogativi non solo sul presente ma anche sul futuro di Apple Intelligence. Ecco quali…

Share This