Sam Altman: “l’intelligenza artificiale consuma troppa energia”

da | 20 Gen 2024 | IA

È noto che i modelli di intelligenza artificiale, come quelli utilizzati da OpenAI per ChatGPT, consumano enormi quantità di elettricità, tanto che gli esperti prevedono che l’IA potrebbe presto consumare tanta elettricità quanto un’intera nazione.

Non sorprende allora che Sam Altman, CEO di OpenAI, stia cercando opzioni più convenienti. In un evento organizzato da Bloomberg al World Economic Forum di Davos, Svizzera, il miliardario ha indicato che i futuri modelli di IA potrebbero richiedere ancora più energia, tanto da necessitare di una nuova tecnologia per produrla.

“Non possiamo raggiungere questo obiettivo senza una svolta tecnologica“, ha dichiarato Altman. “Questo ci spinge a investire di più nella fusione nucleare”. Ha poi aggiunto che è necessario trovare modi migliori per immagazzinare l’energia solare.

Altman sta toccando uno dei temi più dibattuti nella produzione energetica attuale. L’energia da fusione è considerata da tempo il Santo Graal, offrendo una fonte di energia teoricamente illimitata senza i pericoli della fissione nucleare. Nonostante decenni di ricerca, i ricercatori però non sono ancora riusciti a realizzare un processo di fusione che generi un guadagno netto di energia su larga scala.

Miliardari come Jeff Bezos, Peter Thiel e Bill Gates hanno investito ingenti somme in questo campo. Altman stesso ha investito circa 375 milioni di dollari in Helion Energy, una società di fusione nucleare, nel 2021. Incidentalmente, questa società ha poi stretto una partnership con Microsoft, che ha  quindi investito 13 miliardi di dollari in OpenAI. Altman ha anche ipotizzato che l’IA potrebbe rendere la fusione nucleare fattibile. Tuttavia, nonostante startup come Helion affermino che la fusione energetica sia imminente, non sono ancora stati raggiunti risultati concreti.

Se la visione ottimistica di Altman sulla produzione energetica dovesse concretizzarsi, avremmo un metodo decisamente più ecologico per alimentare i modelli di IA. Nel frattempo, però, invece di dipendere da innovazioni future e da grandi progetti, le big tech dovrebbero concentrarsi su fonti energetiche sostenibili già esistenti. E dovrebbero farlo al più presto: secondo uno studio pubblicato su Joule a ottobre, l’inclusione di IA generativa nella ricerca della sola Google ha aumentato il suo consumo energetico di oltre dieci volte.

“L’energia necessaria per una richiesta di ChatGPT rispetto a una normale ricerca può essere da dieci a cento volte superiore“, spiegava a Yahoo Finance l’anno scorso Sajjad Moazeni, professore di ingegneria elettrica e informatica. E la nostra dipendenza da questi strumenti è destinata a crescere se l’IA diventerà una tecnologia quotidiana.

Siamo appena all’inizio, forse all’1%, di dove sarà l’adozione dell’IA nei prossimi due o tre anni,” ha dichiarato Arijit Sengupta, fondatore e CEO di Aible. “Il mondo sta andando incontro a una grave crisi energetica a causa dell’IA, a meno che non si intervenga in qualche modo.”

“Non dovremmo creare un nuovo modello mirando solo a migliorarne l’accuratezza e la velocità”, ha quindi affermato Roberto Verdecchia, professore assistente all’Università di Firenze, al New York Times. “Dovremmo anche considerare quanto stiamo consumando in termini di risorse”.

 

POTREBBE INTERESSARTI

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell'intelligenza artificiale, settore in cui è leader grazie ai suoi processori di fascia alta, Nvidia ha infranto un nuovo...
Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

La famiglia di modelli Nemotron-4 340B servirà per l’addestramento dei degli LLM in tutti quei casi in cui i dati reali sono costosi, difficili da ottenere o...
Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Meta sospende il lancio dei modelli di IA in Europa

Meta sospende il lancio dei modelli di IA in Europa

La scelta è dovuta alla richiesta dell’Irlanda. Delusa Meta, soddisfatte NYOB, DPC e ICO.

Dream Machine è in grado di generare 120 fotogrammi di video in 120 secondi

Dream Machine: il text-to-video di Luma Labs è già disponibile

Dream Machine è in grado di generare 120 fotogrammi di video in 120 secondi.

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

di Apple Intelligence vedrà la collaborazione tra Apple e OpenAI.
,

Apple Intelligence: come funzionerà l’accordo con OpenAI?

Superato l’annuncio della WWDC 2024, restano aperti molti interrogativi non solo sul presente ma anche sul futuro di Apple Intelligence. Ecco quali…

Share This