YouGov: intelligenza artificiale, le nazioni occidentali sono riluttanti

da | 13 Mar 2024 | IA

Come abbiamo più volte scritto su queste pagine, viene difficile pensare a un’innovazione così divisiva come le intelligenza artificiale. Ma la percezione che abbiamo delle IA, pare variare in base alle aree geografiche.

YouGov è un’azienda internazionale di dati e analisi con sede nel Regno Unito, specializzata nella raccolta di dati tramite sondaggi e nella ricerche di mercato. Raccoglie opinioni su una vasta gamma di argomenti, inclusi affari, politica, sport, cultura e molto altro. Tra gli argomenti trattai, l’avrete capito, ci sono anche le intelligenze artificiali.

Stando alla sua ricerca più recente, che ha raccolto dati provenienti da 17 paesi, i lavoratori nel mondo stanno reagendo diversamente alle IA. Quelli asiatici, ad esempio, stanno adottando strumenti di intelligenza artificiale generativa per migliorare la loro produttività. Diversi i lavoratori occidentali, con gli americani tra i meno entusiasti riguardo all’uso dell’IA nel posto di lavoro.

Non è un dato da sottovalutare perché i leader aziendali temono che il pessimismo che circonda l’IA in Occidente possa rendere gli Stati Uniti e i paesi alleati meno competitivi. Secondo il sondaggio, infatti, nell’ultimo anno gli indiani sono i più propensi (67%) a dichiarare che l’intelligenza artificiale ha migliorato la produttività complessiva nel loro luogo di lavoro, seguiti da vicino da Indonesia (65%) ed Emirati Arabi Uniti (62%).

In fondo alla lista si trovano la Svezia (14%), gli Stati Uniti (17%) e il Regno Unito (18%). I lavoratori americani, europei e canadesi sono due volte più inclini rispetto ai lavoratori asiatici a dire di “non sapere” se l’IA aiuti la produttività, suggerendo livelli inferiori di sperimentazione e regole aziendali più rigide su come l’IA possa essere utilizzata sul lavoro.

Ma l’IA è anche una questione anagrafica: le categorie che mostrano entusiasmo per l’IA in quanto strumento di produttività sono infatti i giovani di età compresa tra 18 e 44 anni e gli uomini.

Tra le situazioni in cui l’intelligenza artificiale generativa risulta particolarmente utile vi sono quelle in cui si lavora in una seconda o terza lingua, o per un’azienda con sede in un altro paese, per verificare il proprio lavoro e chiarire le comunicazioni. Peter Deng, VP of consumer product di OpenAI e capo di ChatGPT, durante un discorso al pubblico di SXSW, ha consigliato di pensare all’IA nel luogo di lavoro come a un assistente con super poteri.

“La mia calligrafia è pessima, non sono molto bravo in aritmetica”, ha detto Deng, suggerendo a chiunque abbia una debolezza comparabile di riflettere su come l’IA possa essere utilizzata per superarla e “apparire più professionale”. Ha poi aggiunto: “Ogni individuo sarà in grado di fare di più con l’intelligenza artificiale, ma sta a ogni singolo individuo capire come applicarla”.

In generale, gli esperti affermano che le aziende e gli individui che si cimentano prima con l’IA generativa troveranno più rapidamente modi per migliorare la produttività e la creatività. Un’affermazione, questa che se da un lato è oggettivamente vera, dall’altro può essere letta come il tentativo di spingere anche i più riluttanti ad accogliere una tecnologia che, in futuro, potrebbe sostituirli. Nel dubbio se concludere questo articolo in modo ottimista o pessimista, abbiamo domandato a ChatGPT di pensarci al posto nostro. Gli abbiamo solamente chiesto di essere neutrale, e il risultato è stato sorprendente:

Questo progresso tecnologico, sebbene promettente, solleva interrogativi sul futuro del lavoro e sulla sua integrazione nell’ambiente lavorativo. La transizione verso l’adozione dell’intelligenza artificiale come strumento quotidiano richiede un equilibrio tra ottimizzazione delle risorse e salvaguardia delle competenze umane uniche. La sfida per il futuro sarà quindi non solo capire come massimizzare l’efficacia dell’IA, ma anche come assicurarsi che questa evoluzione tecnologica vada a beneficio di tutti, senza esacerbare le disuguaglianze esistenti o creare nuove divisioni nel tessuto lavorativo. In questo contesto, la responsabilità delle decisioni non ricade solo sulle spalle degli sviluppatori e degli innovatori tecnologici, ma anche su quelle dei leader aziendali, dei policy maker e degli stessi lavoratori, chiamati a navigare in questo nuovo paesaggio con apertura mentale e prontezza al cambiamento”.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This