USA: in arrivo miliardi di dollari per la produzione nazionale di chip

da | 28 Gen 2024 | Business

Che l’intelligenza artificiale rappresenti una singolarità nella recente storia dell’umanità, ormai non sfugge più a nessuno. Così come non sfugge che chi la controllerà, avrà in mano un enorme potere. L’IA però per esistere ha bisogno di appositi processori e il più grosso produttore mondiale, TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing), ha sede a Taiwan. Una regione la cui futura indipendenza è tutta da valutare.

Ecco allora spiegato perché, compiendo un passo significativo per rafforzare l’industria dei semiconduttori nazionale, l’amministrazione Biden sta pianificando di iniettare miliardi di dollari sotto forma di sussidi a giganti del settore come Intel e TSMC. La quale, non avendo certezza delle mire espansionistiche cinesi, sta infatti allargando la propria produzione proprio negli USA.

Questa mossa, riportata dal Wall Street Journal, mira a stimolare la costruzione di nuove infrastrutture produttive sul suolo americano ed è pensata per rivoluzionare la produzione di componenti chiave non solo per le IA ma anche per dispositivi mobile e, perché no, armamenti. Queste informazioni, spiega il WSJ, emergono direttamente da fonti interne al settore coinvolte nelle trattative. E l’annuncio ufficiale potrebbe avvenire prima del discorso sullo stato dell’Unione del Presidente Biden, previsto per il 7 marzo.

Intel, coi suoi ambiziosi progetti in diversi stati (Arizona, Ohio, New Mexico e Oregon) che ammontano a più di 43,5 miliardi di dollari, è tra i candidati principali per ricevere questi sostegni finanziari. E vista la crisi che sta attraversando, di cui abbiamo scritto giusto ieri, non potrebbero arrivare in un momento più propizio.

Allo stesso modo, TSMC, con due impianti in costruzione vicino a Phoenix per un investimento totale di $40 miliardi, e Samsung Electronics, che si sta impegnando in Texas per $17,3 miliardi, sono in forte posizione per beneficiare di questi fondi. Altri attori del settore come Micron Technology, Texas Instruments e GlobalFoundries, sono anch’essi in corsa per ottenere una parte di questi incentivi, secondo quanto riportato dal WSJ.

Il Dipartimento del Commercio USA si è astenuto dal commentare su specifici candidati o tempistiche, sottolineando la natura meritocratica dell’iniziativa e le complesse negoziazioni commerciali del processo di selezione. “I fondi saranno assegnati esclusivamente a progetti che promuovono l’economia e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, ha dichiarato un portavoce del dipartimento. Bocche cucite anche per quanto riguarda TSMC e Intel, contattate dal WSJ.

Gina Raimondo, Segretaria al Commercio degli USA, aveva anticipato l’intenzione di distribuire finanziamenti nel settore dei semiconduttori entro il prossimo anno, con annunci che potrebbero segnare una svolta nella produzione di chip nel paese. Il primo di questi incentivi, annunciato a dicembre, ammonta a oltre 35 milioni di dollari destinati a un impianto di BAE Systems nel New Hampshire per la produzione di chip per aerei da combattimento.

Ciò fa parte del più ampio programma di sussidi Chips for America, del valore di 39 miliardi di dollari, approvato dal Congresso USA nel 2022.

POTREBBE INTERESSARTI

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Apple torna a essere la regina del mercato

L’IA rende (nuovamente) Apple l’azienda più ricca al mondo

Gli annunci della WWDC 2024 proiettano il valore di Apple oltre quello di Microsoft, fino a raggiungere una capitalizzazione di 3,29 trilioni di dollari.

Dazi e indagini: mano pensate della UE contro i sussidi cinesi

Dazi fino al 38% e indagini: mano pesante della UE contro la Cina

In vista maggiorazioni fino al 38,1% sulle auto elettriche e varie investigazioni per verificare il corretto funzionamento del mercato. Ma la sensazione è che si voglia...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
Nvidia sorpassa Apple in borsa e si avvicina al primato di Microsoft

Nvidia sorpassa Apple e riscrive le gerarchie della Silicon Valley

La valutazione record del produttore di chip sfiora i 3,012 trilioni di dollari, superando Apple e avvicinandosi al primato di Microsoft.

La saudita Prosperity7 Ventures ha investito 400 milioni di dollari nella della startup cinese Zhipu AI

Strappo saudita con gli USA: $400 milioni all’IA cinese di Zhipu

Prosperity7 Ventures, braccio di Saudi Aramco, diventa il primo investitore straniero a sostenere una startup di IA generativa in Cina.

Nvidia rimbalza in borsa grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

NVIDIA: ascesa vertiginosa in borsa grazie gli investimenti nell’IA

Dopo il crollo di settimana scorsa, Nvidia registra un’impennata della capitalizzazione di mercato grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

I fondatori di Perplexity AI, da sinistra a destra: Aravind Srinivas, Denis Yarats e Johnny Ho. Foto: The Wall Street Journal

Perplexity AI supera il miliardo di dollari

La valutazione di Perplexity AI è raddoppiata in soli tre mesi, segnale dell’interesse crescente degli investitori per un’alternativa a Google basata...
Share This