USA: $10 miliardi a Intel per rafforzare la produzione di semiconduttori

da | 18 Feb 2024 | IA, Tech

È ormai chiaro a tutti che il futuro sia di chi controllerà le IA. E lo hanno capito bene anche gli USA, che con finanziamenti a pioggia vogliono rafforzare la produzione interna di semiconduttori. Ed è in questo senso che va inquadrata la notizia che vuole l’amministrazione del presidente Joe Biden star discutendo la possibilità di erogare oltre 10 miliardi di dollari in sussidi a Intel.

La notizia, rivelata da Bloomberg News e basata su fonti vicine alla trattativa, segna un passo significativo nella politica di sostegno al settore tecnologico nazionale. Questo pacchetto di incentivi, che è ancora oggetto di negoziazione, dovrebbe includere un mix di prestiti e sovvenzioni dirette. Tuttavia, né il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, responsabile della gestione dei fondi previsti dal Chips and Science Act, né Intel, hanno fornito commenti ufficiali in merito.

Recentemente, il Dipartimento del Commercio ha annunciato nuovi investimenti sotto l’egida del Chips for America, pensato per sostenere non solo la produzione di chip ma anche gli investimenti nella catena di approvvigionamento correlata. Tra questi figura l’imponente programma di ricerca e sviluppo da 11 miliardi di dollari, volto alla realizzazione del nuovo Centro Nazionale di Tecnologia dei Semiconduttori (National Semiconductor Technology Center, NSTC).

Intel ha in programma di investire decine di miliardi di dollari in impianti di produzione di semiconduttori già esistenti in Arizona e Nuovo Messico, e di costruire un nuovo sito in Ohio, che, secondo le dichiarazioni dell’azienda, potrebbe diventare il più grande impianto di produzione di chip al mondo. Va però detto che un Intel potrebbe posticipare il completamento del sito in Ohio al 2026, a causa di un rallentamento nel mercato dei chip e della lenta erogazione dei fondi federali.

Resta incerto se l’imminente flusso di sovvenzioni potrà accelerare i piani di Intel, così come quelli di TSMC, che ha anch’essa richiesto finanziamenti statunitensi, e la cui costruzione di una fabbrica di semiconduttori in Arizona sta subendo anch’essa dei ritardi. Altri giganti del settore, come Micron e Samsung Electronics, stanno sviluppando nuovi impianti di produzione di chip negli Stati Uniti e hanno fatto domanda per accedere al programma di finanziamenti.

La mossa dell’amministrazione Biden sembra confermare la volontà di rafforzare la posizione degli Stati Uniti nel competitivo mercato globale dei semiconduttori. E a quanto pare, ci sta riuscendo.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

Share This