Tesla, ancora tagli: eliminati i team Supercharger e nuovi veicoli

da | 2 Mag 2024 | Automotive

Tesla, l’abbiamo scritto più volte ultimamente, sta passando un periodo difficile. Nelle ultime due settimane il colosso dell’auto elettrica ha annunciato una drastica serie di licenziamenti, richiamato i Cybertruck per un difetto all’acceleratore, visto i profitti crollare del 55% nel primo trimestre del 2024 e, di conseguenza, abbassato i prezzi negli USA sperando di tamponare l’emorragia.

The Information però dipinge un quadro ancor più a tinte fosche, anticipando una nuova ondata di licenziamenti che colpiscono sia il team responsabile della rete di ricarica Supercharger, sia il dipartimento di sviluppo dei nuovi veicoli.

Stando alle indiscrezioni, la notte del 28 aprile Elon Musk ha comunicato via email ai suoi dipendenti il licenziamento di figure chiave dell’azienda, tra cui appunto il responsabile dei Supercharger e il capo dello sviluppo dei nuovi veicoli.

Il fascino dei modelli più datati di Tesla sta calando, coi modelli S e X che si avvicinano al termine del loro ciclo vitale senza però segni di un rinnovamento imminente. Il fatto che Musk abbia deciso di sciogliere completamente il team di Daniel Ho, Director, Vehicle Programs and New Product Introduction (e dunque responsabile dello sviluppo dei nuovi prodotti), desta non poche perplessità.

Ma non è l’unico settore colpito dai tagli: anche Rebecca Tinucci, Sr Director of EV Charging, sarebbe stata licenziata insieme al suo staff. La rete Supercharger, considerata una delle principali attrattive dell’offerta di Tesla, rimane un punto di forza dell’azienda che continua a espandere l’accessibilità della sua infrastruttura di ricarica anche ad altri costruttori automobilistici. Anche in questo caso, la rimozione del team ad essa dedicato solleva dubbi sulla capacità di Tesla di mantenere il passo con le esigenze future di una base di clienti in crescita.

In aggiunta ai cambiamenti interni, Tesla avrebbe smantellato anche il suo team di politiche pubbliche, un movimento sorprendente data l’ambizione di Musk di lanciare una flotta di robotaxi. Questa decisione potrebbe complicare i rapporti con le autorità regolatorie, proprio mentre l’azienda affronta indagini e richiami per i suoi sistemi di assistenza alla guida.

Musk ha chiarito che queste misure radicali sono volte a un deciso taglio dei costi e a una gestione più rigorosa del personale. Avrebbe anche detto ai dipendenti che chiederà le dimissioni di qualsiasi dirigente “che tenga più di tre persone che non superano chiaramente il test di eccellenza, necessità e affidabilità”.

Qualora lo scoop di The Information trovasse conferma, questi tagli rappresenterebbero un duro colpo per il morale aziendale e porrebbero seri interrogativi sulle prospettive future di Tesla..

POTREBBE INTERESSARTI

Un cruscotto di un'auto con CarPlay

Apple ripensa CarPlay per vincere le resistenze dei produttori d’auto

Apple sta lavorando sulla prossima generazione di CarPlay, un sistema progettato per unificare le interfacce su ogni schermo dell’auto.

Le assicurazioni monitorano segretamente la nostra guida?

Le assicurazioni monitorano segretamente la nostra guida?

L’industria assicurativa, sempre alla ricerca di nuove informazioni su come guidiamo, negli Stati Uniti ha trovato alleati preziosi nei produttori di automobili e...
Il pacchetto retributivo da 56 miliardi di dollari di Elon Musk è stato riapprovato. Foto: Apu Gomes/Getty Images

Gli azionisti di Tesla approvano il bonus da $56 miliardi di Elon Musk

Ieri gli azionisti di Tesla hanno riapprovato il pacchetto retributivo di Elon Musk, che lo renderà il dirigente più pagato della storia. Telenovela finita, dunque? In...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
BYD rivoluziona l'ibrido: 2.000 km di autonomia!

BYD rivoluziona l’ibrido: 2.000 km di autonomia!

La nuova tecnologia di BYD promette viaggi da Monaco a Madrid senza dover fare rifornimento. È la soluzione all’ansia da autonomia che affligge...
Lucid Motors licenzia 400 dipendenti

Ristrutturazione in Lucid Motors: licenziati 400 dipendenti

L’azienda riduce del 6% la sua forza lavoro in vista della presentazione entro fine anno del Gravity, il suo primo SUV elettrico.

Le macchine di Waymo avrebbero dato segnalazioni di "disobbedienza".

USA: le autorità indagano su comportamenti anomali di Waymo

Gli investigatori federali valutano la sicurezza delle macchine di Waymo dopo segnalazioni di “disobbedienza”.

Alex Kendall è il CEO di Wayve

Wayve, la startup di guida autonoma, riceve finanziamenti per $1 miliardo

La startup britannica Wayve riceve un massiccio sostegno finanziario guidato da SoftBank e Nvidia.

Elon Musk ieri è volato a Pechino domenica per una visita al premier Li Qiang. Che per Tesla potrebbe essere piuttosto importante.

Perché la visita di Elon Musk in Cina è importante

Elon Musk è volato a Pechino domenica per una visita al premier Li Qiang. Che per Tesla potrebbe essere piuttosto importante.

Col lancio imminente del Tesla Network, Elon Musk entra nel mercato del trasporto privato con un'offerta completamente autonoma.

Tesla sfida Uber: ecco la nuova app per la mobilità autonoma

Col lancio imminente del Tesla Network, Elon Musk entra nel mercato del trasporto privato con un’offerta completamente autonoma.

Share This