Oltre l’ISS, ecco l’innovativa stazione spaziale Starlab

da | 6 Feb 2024 | Aerospace

Starlab, il cui lancio è previsto non prima del 2028, è il risultato di una collaborazione tra l’americana Voyager Space e Airbus, la nota multinazionale aerospaziale europea. Il progetto prevede la costruzione di una stazione spaziale di grandi dimensioni, con un volume abitabile pari alle metà di quello pressurizzato della ISS.

“La storia di successo e affidabilità di SpaceX ha portato il nostro team a scegliere Starship per mettere in orbita Starlab”, ha dichiarato Dylan Taylor, presidente e CEO di Voyager Space. “SpaceX è il leader indiscusso per lanci ad alta cadenza e siamo orgogliosi che Starlab sarà lanciato in orbita in un unico volo da Starship.”

Starlab avrà un diametro di circa 8 metri, valore non casuale visto che il compartimento di carico di Starship è in grado di portare un cargo massimo proprio di 8 metri di larghezza. Marshall Smith, CTO di Voyager Space, ha rivelato in un’intervista che sono state considerate diverse opzioni di lancio.

“Abbiamo considerato lanci multipli per mettere Starlab in orbita e alla fine ci siamo orientati verso il lancio singolo“, ha affermato. “Ciò consente di risparmiare molto sui costi di sviluppo e di integrazione. Possiamo costruire il tutto a terra, verificarlo, testarlo e lanciarlo. Una delle molte lezioni che abbiamo imparato dalla Stazione Spaziale Internazionale è che costruire e integrare nello spazio è molto costoso“. Con un solo lancio a bordo di Starship, dunque, si prevede che Starlab sia pronta per essere abitata da subito.

Starlab è una delle numerose stazioni spaziali sviluppate privatamente in lizza per diventare un’alternativa commerciale alla ISS, che NASA prevede di dismettere entro il 2030. Tra gli altri concorrenti ci sono Axiom Space, Blue Origin, Vast Space e SpaceX, che potrebbe adattare una Starship per ospitare una stazione spaziale abitabile.

NASA ha finanziato alcune di queste aziende, inclusa Voyager Space, per avviare la progettazione e lo sviluppo di nuove stazioni. È previsto un secondo round l’anno prossimo, per selezionare le aziende che procederanno alla costruzione e al test delle stazioni selezionate. NASA intende continuare a mandare astronauti nell’orbita bassa terrestre sia per scopi di ricerca, sia per soddisfare clienti privati. La sfida per Starlab e gli altri concorrenti sarà sviluppare una clientela al di là di NASA, così da sostenere da subito i costi di funzionamento e gestione delle stazioni.

Si tratta di una sfida immensa: NASA ha investito oltre 100 miliardi di dollari nella costruzione della ISS e ha un budget annuale di 3 miliardi di dollari per le operazioni e il trasporto di persone e rifornimenti alla stazione. Si prevede che l’agenzia finanzierà le stazioni spaziali commerciali per circa 1 miliardo di dollari all’anno, quindi chi vorrà partecipare alla gara dovrà costruire rapidamente e a basso costo le proprie strutture, e poi trovare prontamente un numero di clienti sufficiente per coprire le spese.

Starlab potrebbe avere un vantaggio in questo ambito grazie alla sua co-proprieta con Airbus. Una delle grandi questioni riguardo alla fine della ISS è cosa accadrà agli astronauti europei che attualmente sono lì in orbita. L’Agenzia Spaziale Europea potrebbe essere riluttante a finanziare missioni verso stazioni spaziali private gestite da aziende statunitensi. Pertanto, il coinvolgimento di Airbus rende Starlab una destinazione attraente per le nazioni europee.

POTREBBE INTERESSARTI

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Ed Dwight, ex capitano dell'Aeronautica militare selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta nero. Ha volato con Blue Origin.

Blue Origin riprende i lanci con passeggeri privati

Il New Shepard di Blue Origin riprende i voli turistici dopo un anno di indagini. A bordo Ed Dwight, selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta di...
SuperLimbs è sviluppato dal MIT

SuperLimbs è la tecnologia che aiuterà gli astronauti a rialzarsi

Gli ingegneri del MIT sviluppano SuperLimbs, per risolvere il problema delle cadute e migliorare la produttività degli astronauti sulla Luna.

Share This