Neuralink “confessa”: il primo impianto si è parzialmente ritratto

da | 12 Mag 2024 | Tech

Di tutte le imprese di Elon Musk, quella di Neuralink è stata una delle più complesse. Dopo anni di sviluppo e sfide, ripetuti ritardi da parte della FDA, indagini normative e controversie legate ai test su animali, l’azienda ha dovuto attendere il maggio del 2023 per ottenere l’approvazione ad avviare test clinici sugli umani.

Lo scorso gennaio, Elon Musk ha annunciato che il primo impianto era stato completato con successo. A febbraio, ha raccontato che il primo paziente di Neuralink stava bene e che poteva controllare il mouse col pensiero. Si è dovuto invece attendere marzo per scoprire chi fosse il paziente zero, ossia Roland Arbaugh, 29 anni, paralizzato dal collo in giù dal 2016. In quell’occasione venne mostrato giocare a scacchi con la semplice forza del pensiero durante una diretta dell’azienda su X.

Da allora, però, gli aggiornamenti sono stati sporadici e divulgati solamente a discrezione dell’azienda.

Quello impiantato è stato il  Neuralink  N1, un dispositivo grande circa un quarto di dollaro, dotato di batteria, un  sistema di comunicazione e un chip di elaborazione, installato direttamente sul cervello del paziente mediante un piccolo foro nel cranio e l’assistenza di un robot chirurgico.

Il dispositivo, definito anche “interfaccia cerebro-computer” (abbreviato in BCI), si avvale di 64 filamenti ultrafini, ciascuno dotato di 16 elettrodi, che penetrano di qualche millimetro nella corteccia motoria del paziente, trasmettendo l’attività neurale che permette il controllo di dispositivi computerizzati, come il movimento del cursore o la digitazione.

Il che ci porta al cuore della notizia. In un aggiornamento dell’8 maggio, tra le righe, Neuralink ammette quanto segue: “In the weeks following the surgery, a number of threads retracted from the brain, resulting in a net decrease in the number of effective electrodes”.

In altre parole, Neuralink ha confessato che nelle settimane seguenti all’intervento, numerosi filamenti si sono ritratti dal cervello di Arbaugh, provocando una significativa riduzione degli elettrodi funzionanti. Ciò ha causato un calo nella velocità e precisione con cui il paziente poteva controllare un cursore computerizzato.

Le modifiche successive all’algoritmo di registrazione dell’impianto hanno però migliorato la situazione, arrivando a superare le prestazioni iniziali del paziente. L’azienda però non ha fornito ulteriori dettagli sugli aghi staccati, né sulle cause del malfunzionamento.

Ci si potrebbe interrogare sul perché di questa ammissione “a mezza bocca” di Neuralink, e la causa pare essere l’indagine in corso da parte del The Wall Street Journal, che stava indagando proprio sul succitato problema, del quale evidentemente è venuta a conoscenza grazie a qualche indiscrezione. Stando a fonti anonime, la causa potrebbe essere un pneumoencefalo, causato dall’intrappolamento di aria che si verifica successivamente a un intervento di chirurgia.

Nonostante il problema non sembri minacciare la sicurezza del paziente, pare si sia anche discusso brevemente se rimuovere o meno l’impianto.

Neuralink prevede di implementare 10 impianti N1 entro la fine dell’anno.

POTREBBE INTERESSARTI

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

di Apple Intelligence vedrà la collaborazione tra Apple e OpenAI.
,

Apple Intelligence: come funzionerà l’accordo con OpenAI?

Superato l’annuncio della WWDC 2024, restano aperti molti interrogativi non solo sul presente ma anche sul futuro di Apple Intelligence. Ecco quali…

Share This