NASA svela il tesoro della missione OSIRIS-REx: un campione di asteroide da 121 grammi

da | 20 Feb 2024 | Aerospace

La missione OSIRIS-REx, parte del Programma New Frontiers di NASA, è stata lanciata l’8 settembre 2016 con l’obiettivo principale di raccogliere un campione di almeno 60 grammi dall’asteroide 101955 Bennu. Dopo più di due anni di viaggio, la sonda ha raggiunto l’asteroide il 3 dicembre 2018, avviando una mappatura dettagliata della superficie durata  505 giorni, necessaria a determinare il punto dell’atterraggio.

Il 20 ottobre 2020, OSIRIS-REx ha infine raccolto campioni di regolite dall’asteroide tramite un braccio robotico, senza atterrare. Il ritorno della sonda sulla Terra è avvenuto con successo il 24 settembre 2023, con l’atterraggio nello Utah di una capsula contenente il campione.

Il costo totale della missione, stando a Wikipedia, è stato di circa 800 milioni di dollari, cui aggiungere il costo del lanciatore Atlas V, di circa 183,5 milioni di dollari. Stando ad altre fonti, il costo complessivo dell’operazione sarebbe invece di 1,2 miliardi di dollari. Comunque sia, qualche giorno fa NASA ha finalmente mostrato al mondo il risultato di questa particolare missione spaziale, un “modesto” un campione di 121 grammi di asteroide.

Questo piccolo pezzo di cosmo, che starebbe dentro una scatoletta di tonno, rappresenta dunque il frutto di un lavoro titanico, che ha visto la collaborazione tra il Goddard Space Flight Center della NASA, l’Università dell’Arizona e Lockheed Martin.

Paragonato a oggetti quotidiani, il campione potrebbe sembrare irrisorio, tuttavia la sua importanza scientifica è notevole. Supera infatti di 20 volte il materiale asteroidale riportato in precedenza sulla Terra da delle missioni giapponesi e, dicono gli scienziati, dovrebbe darci preziose informazioni sull’origine della vita e sulle condizioni primordiali del nostro Sistema Solare.

Nonostante le dimensioni ridotte, il campione ha poi superato di gran lunga il requisito minimo di 60 grammi stabilito per la missione, marcando un successo storico per OSIRIS-REx e per la ricerca spaziale. Accedere al contenuto del campione ha però richiesto molta pazienza: il container è stato aperto solo a gennaio, a causa di difficoltà tecniche incontrate dai tecnici del Johnson Space Center di Houston. Le clip che tenevano chiuso il contenitore, si erano infatti bloccate. Ora, parte del materiale sarà distribuito per studi approfonditi a un consorzio internazionale di oltre 200 scienziati, inclusi ricercatori statunitensi, giapponesi e canadesi.

NASA, guardando al futuro, ha deciso di conservare circa il 70% del campione per ricerche future. Ha poi approvato un’estensione della missione per studiare l’asteroide 99942 Apophis a partire dal 2029, quando passerà nelle vicinanze della Terra.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Share This