Microsoft rivela: ChatGPT è usato dagli hacker di Russia, Cina e Iran

da | 15 Feb 2024 | IA

La notizia è di quelle che sorprendono. Non per i fatti che riporta ma perché c’è chi se ne stupisce, come se l’accaduto fosse qualcosa d’imprevedibile. Per cui ecco Microsoft rivelare che gli hacker sostenuti dai governi di Cina, Russia e Iran starebbero utilizzando ChatGPT per affinare le loro tecniche e ingannare meglio le proprie vittime.

Calcolando che l’intelligenza artificiale di OpenAI viene usata dal 92% delle aziende Top 500 Fortune e probabilmente con la stessa percentuale dagli studenti che vogliono finire prima i compiti, non si capisce perché secondo Microsoft gli hacker, soprattutto se di stato, dovrebbero invece elaborare e attuare i propri piani servendosi ancora del pallottoliere.

Microsoft evidentemente non si pone questa domanda e prosegue evidenziando che il suo report nasce dopo aver monitorato gruppi di hacker affiliati all’intelligence militare russa, alla Guardia Rivoluzionaria dell’Iran e al governo cinese. Stando a Microsoft, gli hacker russi indagano su tecnologie satellitari e radar per operazioni militari in Ucraina; i nordcoreani generano contenuti per campagne di phishing mirato; gli iraniani usano l’IA per migliorare la credibilità delle loro email; i cinesi invece studierebbero le agenzie di intelligence rivali e questioni di sicurezza informatica.

Microsoft ha quindi introdotto il divieto totale all’utilizzo dei suoi prodotti di intelligenza artificiale da parte di gruppi hacker supportati dallo stato. Un divieto che, ne siamo sicuri, verrà prenso molto seriamente.

“Indipendentemente dal fatto che vi sia o meno una violazione della legge o dei termini di servizio, non vogliamo che questi attori, che abbiamo identificato e monitorato, e che sappiamo essere soggetti minacciosi, abbiano accesso a questa tecnologia”, ha dichiarato a Reuters Tom Burt, vicepresidente di Microsoft per la sicurezza dei clienti.

Prevedibilmente, i funzionari diplomatici di Russia, Corea del Nord e Iran non hanno commentato le accuse. Liu Pengyu, portavoce dell’ambasciata cinese negli USA, le ha invece respinte definendole “calunnie infondate” e sostenendo l’impiego “sicuro, affidabile e controllabile” delle tecnologie di intelligenza artificiale per “migliorare il benessere comune di tutta l’umanità”. Ne siamo tutti sicuri.

L’uso dell’IA da parte di hacker supportati dallo stato solleva preoccupazioni sulla diffusione e l’abuso potenziale di questa tecnologia. Bob Rotsted, a capo dell’intelligence di OpenAI dedicata alle minacce informatiche, descrive questo caso come uno dei primi in cui un’azienda di intelligenza artificiale discute pubblicamente l’uso delle proprie tecnologie da parte di cybercriminali.

Né Burt né Rotsted si sono espressi sul volume di attività o sul numero di account sospesi. Tom Burt riferisce che l’utilizzo degli strumenti di IA da parte degli hacker è ancora in “fase iniziale” e “incrementale”, sebbene finora non siano stati osservati progressi significativi da parte delle intelligence nell’uso di queste tecnologie.

Dal canto nostro non possiamo che limitarci a ricordare che due settimane fa Trend Micro ha presentato in una conferenza stampa l’edizione annuale del report Critical Scalability, che spiegava le principali minacce digitali del 2024. In esso veniva anticipato tutto ciò di cui si stupisce oggi Microsoft. E anche di più.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This