Microsoft cannibalizza Inflection AI

da | 20 Mar 2024 | IA

Inflection, traducibile in Italiano in “punto di flesso”, a volte chiamato punto di svolta, flesso, inflessione o punto di rendimenti decrescenti, è il punto in cui un grafico cambia curvatura, da concavo a convesso o viceversa.

Nel contesto della tecnologia e del business, col termine Inflection ci si riferisce a un punto critico o a un momento di svolta in cui si verifica un cambiamento significativo nel modo in cui le aziende operano, nei modelli di business, nella tecnologia o nel comportamento dei consumatori. Questo termine è spesso utilizzato per descrivere momenti in cui l’adozione di nuove tecnologie o cambiamenti nel panorama competitivo costringono le aziende a rivedere e adattare le loro strategie per mantenere o migliorare la loro posizione sul mercato.

Fatta questa premessa, appare più semplice capire perché Reid Hoffman, co-fondatore di LinkedIn, e Mustafa Suleyman, co-fondatore di DeepMind, hanno deciso di chiamare Inflection AI la loro startup nel campo dell’intelligenza artificiale. La cui mission è di sviluppare tecnologie di intelligenza artificiale avanzate per migliorare la comunicazione e l’interazione tra umani e computer, rendendo queste interazioni più naturali, intuitive e produttive.

Il progetto principale di Inflection AI è un assistente digitale di nome Pi, che mira a rivoluzionare il modo in cui interagiamo con le macchine. Pi è progettato per comprendere e interpretare il linguaggio umano in modo più profondo ed efficiente rispetto agli attuali assistenti virtuali. Dev’essere per questa ragione che l’azienda ha finora raccolto oltre a 225 milioni nella metà del 2022 e 1,3 miliardi di dollari appena nove mesi fa.

Siamo quindi di fronte all’ennesima storia di successo riguardante le IA? Al contrario, quella che ci apprestiamo a dare è la notizia di una (probabile) morte annunciata. Perché Microsoft ha in sostanza cannibalizzato Inflection.

Mustafa Suleyman (in foto) e Karén Simonyan, i co-fondatori di Inflection, passeranno a Microsoft. Suleyman presiederà la nascente divisione AI dell’azienda, portando con sé “alcuni membri” del suo gruppo, come ha sottolineato Microsoft. O, secondo quanto riportato da Bloomberg, “quasi tutto il personale”. Reid Hoffman, invece, rimarrà a gestire le operazioni con il nuovo CEO Sean White, cercando di mettere in salvo quel che resta dell’azienda.

Inflection aveva l’ambizione di creare un’intelligenza artificiale conversazionale, utilizzabile attraverso diverse piattaforme, capace di riconoscere gli utenti e memorizzare le conversazioni passate per offrire un’esperienza più personalizzata e utile.

Sebbene l’idea fosse intrigante, non ha mai realmente preso piede. E nonostante gli ingenti finanziamenti ricevuti, Inflection non è mai riuscita a competere coi progressi velocissimi nel campo dell’AI realizzati da OpenAI (anch’essa finanziata da Microsoft), Google con Gemini e Anthropic.

Forse il progetto era destinato a non realizzarsi e forse Pi è un’idea che sarebbe comunque stata destinata a soccombere. Ma come ricorda mirabilmente Devin Coldewey su TechCrunch, nei fatti che ci troviamo a commentare c’è l’essenza di Microsoft. La cui strategia sembra riflettere il solito approccio noto da decenni: abbracciare, espandersi e infine stritolare.

Sia chiaro: Microsoft in questa occasione può sembrare il classico giocatore d’azzardo che sulla roulette scommette sia sul rosso, sia sul nero, pronto a capitalizzare sul primo che inciampa prima di tagliare il traguardo. Allo stesso tempo, può proporsi come il salvatore della patria, capace di dare una seconda vita a un team talentuoso che diversamente avrebbe fallito.

Ma nel commentare notizie come questa, nel guardare il quadro generale dell’IA, nel vedere chi sono i nomi dietro le principali intelligenze artificiali, la sensazione è che le grandi corporazioni tecnologiche abbiano già fagocitato le IA.

Passano gli anni e siamo ancora a parlare di Microsoft e Google. Con la prima che, nei giorni scorsi, è pure andata a denunciare la seconda all’Unione Europea per un eccesso di posizione dominante nelle IA. Fingendo di non ricordare che OpenAI è cosa sua, e che ora lo è anche il cuore di Inflection AI.

POTREBBE INTERESSARTI

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell'intelligenza artificiale, settore in cui è leader grazie ai suoi processori di fascia alta, Nvidia ha infranto un nuovo...
Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

La famiglia di modelli Nemotron-4 340B servirà per l’addestramento dei degli LLM in tutti quei casi in cui i dati reali sono costosi, difficili da ottenere o...
Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Meta sospende il lancio dei modelli di IA in Europa

Meta sospende il lancio dei modelli di IA in Europa

La scelta è dovuta alla richiesta dell’Irlanda. Delusa Meta, soddisfatte NYOB, DPC e ICO.

Dream Machine è in grado di generare 120 fotogrammi di video in 120 secondi

Dream Machine: il text-to-video di Luma Labs è già disponibile

Dream Machine è in grado di generare 120 fotogrammi di video in 120 secondi.

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

di Apple Intelligence vedrà la collaborazione tra Apple e OpenAI.
,

Apple Intelligence: come funzionerà l’accordo con OpenAI?

Superato l’annuncio della WWDC 2024, restano aperti molti interrogativi non solo sul presente ma anche sul futuro di Apple Intelligence. Ecco quali…

Share This