Meta userà i post dei social media europei per addestrare la sua IA

da | 10 Giu 2024 | IA

Quello dei dati coi quali addestrare le intelligenze artificiali è un problema sempre più sensibile. Sia perché, come dimostra la causa in corso tra il New York Times e OpenAI, non tutte le Big Tech bussano prima di entrare nella stanza. E a fronte di una OpenAI che ora sta stringendo accordi coi principali editori, c’è chi come Google e Meta e non si fa problemi a dare in pasto alle proprie IA i contenuti generati dai loro utenti.

Sia perché, e lo testimonia la recente figuraccia rimediata da Google con AI Overview, non sempre quello che si trova su Internet merita di essere “metabolizzato” dalle intelligenze artificiali. Come quando Google ha suggerito di mettere la colla nella pizza per evitare che coli il formaggio, o di mangiare un sasso al giorno per ottenere il corretto apporto di sali minerali.

Mark Zuckerberg però deve pensarla diversamente perché, come riporta Reuters, Meta ha comunicato oggi che comincerà a impiegare i contenuti dei social media europei per addestrare i suoi modelli di intelligenza artificiale generativa. In particolare, secondo quanto riportato in un post sul blog dell’azienda, Meta addestrerà i modelli Llama coi contenuti che gli utenti dell’Unione Europea condivideranno pubblicamente su piattaforme come Instagram e Facebook.

Questa nuova strategia uniforma l’approccio di Meta in Europa a quello già adottato in altre regioni del mondo per l’addestramento dei suoi modelli di intelligenza artificiale, nonostante le precedenti precauzioni dovute alle stringenti normative europee in materia di privacy e trasparenza.

Il capo delle politiche di Meta ha dichiarato a Reuters in un’intervista di settembre che sarebbero stati esclusi dal training i post privati e i messaggi condivisi solo con gli amici. Ad aprile, quando Meta ha iniziato a rilasciare le versioni più recenti di Llama, il chief product officer dell’azienda ha invece riferito sempre a Reuters che stavano “ancora lavorando sulla modalità giusta per farlo in Europa”.

Lo scorso mese, il colosso dei social media ha annunciato che avrebbe iniziato a informare gli utenti di Facebook e Instagram nella regione europea e nel Regno Unito su come utilizza le informazioni pubbliche condivise sui servizi di Meta per sviluppare e migliorare l’intelligenza artificiale. Tuttavia, il gruppo di advocacy NYOB (none of your business) ha presentato denunce in vari paesi europei, sostenendo che le notifiche fossero insufficienti, poiché le normative europee sulla privacy richiedono a Meta di ottenere un consenso esplicito dagli utenti.

L’utilizzo dei social media per l’addestramento delle IA prone vari problemi. Il primo riguarda la privacy e il consenso: gli utenti potrebbero non essere consapevoli che i loro post sono utilizzati per addestrare algoritmi di intelligenza artificiale, anche se sono pubblici.

C’è poi una questione di trasparenza: Meta (e in generale le aziende che raccolgono dati) non sono chiare riguardo a come vengono utilizzate le informazioni che generiamo. Gli utenti dovrebbero essere informati chiaramente e in modo comprensibile su come i loro dati saranno utilizzati.

Soprattutto, si pone una questione di bias e rappresentatività: i dati raccolti dai social media possono essere fortemente sbilanciati, alle volte proprio per le stesse censure imposte dai social network. Non tutte le categorie demografiche sono rappresentate equamente sui social network, e ciò potrebbe portare a modelli di intelligenza artificiale che riflettono i bias correnti, reiterano le discriminazioni e le iniquità nei risultati prodotti.

Per quanto riguarda i contenuti inappropriati, infine, sappiamo tutti quanto i social media contengano una vasta gamma di contenuti offensivi o falsi. Addestrare modelli di intelligenza artificiale su questi dati potrebbe portare a risultati “problematici”.

Non resta quindi che attendere che l’IA di Meta restituisca suggerimenti complottisti o terrapiattisti. Poi, si spera, qualcuno correrà ai ripari.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This