Meta si prepara a produrre i suoi chip per l’Intelligenza Artificiale

da | 1 Feb 2024 | IA, Tech

I chip, l’infrastruttura e l’energia necessaria per eseguire le applicazioni di intelligenza artificiale, sono diventati un’enorme voragine monetaria per le aziende tecnologiche. Il che, ovviamente, va a ridurre i guadagni derivanti dall’eccitazione che ammanta questa primizia tecnologica.

Zuckerberg nei giorni scorsi ha dichiarato dei piani molto ambiziosi per Meta che, pur sorpassata in partenza da OpenAI e Google, intende recuperare prontamente le posizioni. Per farlo però serve potenza di calcolo, e per produrla serve l’hardware giusto. Ecco spiegato allora perché Meta prevede di acquistare oltre 340.000 GPU Nvidia H100 entro la fine dell’anno, un quantitativo paragonabile all’arsenale di Microsoft. Se a ciò aggiungiamo altri chip pensati per l’IA come l’A100 di Nvidia, l’inventario di GPU di Meta dovrebbe raggiungere quasi 600.000 unità entro la fine del 2024.

Si tratta di miliardi di dollari che finiscono nella tasche altrui ed ecco spiegato perché, stando allo scoop di Reuters, qualcuno a Menlo Park deve aver capito che forse è più conveniente costruirsele in casa, tutte queste GPU. Meta starebbe quindi pianificando di introdurre nei propri data center una nuova generazione di chip personalizzati, una mossa strategica che non solo ridurrebbe la sua dipendenza da Nvidia ma che porterebbe a gestire in modo più efficiente i costi crescenti associati all’esecuzione dei carichi di lavoro da parte delle IA.

Questa iniziativa si inserisce in un contesto più ampio in cui Meta sta spingendo con forza prodotti basati sull’IA generativa, integrandoli in piattaforme popolari come Facebook, Instagram e WhatsApp, oltre che in dispositivi hardware innovativi come gli smartglass Ray-Ban. Secondo l’analista Dylan Patel di SemiAnalysis, il successo nell’implementazione di questi chip personalizzati potrebbe tradursi in un risparmio significativo per Meta, riducendo i costi energetici annuali di centinaia di milioni di dollari e i costi di acquisizione dei chip di miliardi di dollari.

Dal punto di vista tecnico, questi chip, denominati internamente Artemis, sarebbero specializzati in un processo noto come inferenza, essenziale per permettere ai modelli di IA di utilizzare i loro algoritmi per effettuare valutazioni e generare risposte. Tuttavia, Meta pare stia studiando lo sviluppo di un chip in grado di gestire sia l’addestramento che l’inferenza, a conferma della sua visione di lungo termine per l’intelligenza artificiale.

Questa mossa rappresenta un ripensamento strategico non indifferente, dato che Reuters ricorda che Meta aveva deciso nel 2022 di interrompere lo sviluppo del chip Artemis in favore proprio dell’acquisto delle GPU di Nvidia. La produzione di chip custom per l’IA avrebbe senz’altro il vantaggio di rafforzare la sua indipendenza tecnologica e impiegare in modo più efficiente ed economico le risorse. Per riuscirci, però, bisognerà investire miliardi di dollari e riconfigurare i data center.

Meta quindi vuole posizionarsi come un attore chiave nel settore dell’IA, non solo attraverso i suoi prodotti e servizi ma anche attraverso la produzione di hardware. Costi quel che costi.

POTREBBE INTERESSARTI

L'UE la sfida sul rispetto del DMA

Apple sotto accusa: l’UE la sfida sul rispetto del Digital Markets Act

La Commissione Europea avvia procedimenti per violazione del Digital Markets Act. Apple rischia una multa a partire da 38 miliardi di dollari.

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Share This