Interlune, la misteriosa startup che vuole raccogliere risorse naturali sulla Luna

da | 5 Feb 2024 | Aerospace

Nonostante mantenga un profilo estremamente riservato al momento, Interlune è una startup attiva da almeno tre anni che finora ha mantenuto un basso profilo riguardo alla divulgazione delle sue tecnologie. Tuttavia, è riuscita a raccogliere 15,5 milioni di dollari in finanziamenti e punta a ottenerne altri 2. Questa, come ricorda TechCrunch, è la prima notizia della chiusura di un finanziamento da parte dell’azienda a partire dal round iniziale di 1,85 milioni di dollari, avvenuto nel 2022.

La maggior parte delle informazioni disponibili su Interlune proviene da un articolo di GeekWire pubblicato l’ottobre scorso, in cui Gary Lai, CTO della startup, ha delineato gli obiettivi dell’azienda in un discorso al Museo del Volo di Seattle: “Il nostro obiettivo è essere i primi a estrarre risorse naturali dalla Luna per utilizzarle sulla Terra“, ha affermato. “Stiamo sviluppando un metodo innovativo per l’estrazione di queste risorse, che sia efficiente, economico e sostenibile. L’obiettivo è stabilire un’economia spaziale durevole.”

Gary Lai è un ingegnere aerospaziale con un’esperienza ventennale in Blue Origin, dove ha ricoperto il ruolo di capo architetto dei sistemi di trasporto spaziale. Guida la squadra di Interlune insieme a Rob Meyerson, ex presidente di Blue Origin e business angel attivo nel settore delle startup hardware quali Axiom Space, Starfish Space, Hermeus e Hadrian Automation. Dei dirigenti di Interlune, secondo quanto riportato nei documenti della U.S. Securities and Exchange Commission, fa parte anche Indra Hornsby, ex avvocato generale di BlackSky e Spaceflight Industries e vicepresidente esecutivo di Rocket Lab.

Le informazioni sulla tecnologia di Interlune sono limitate ma sappiamo che hanno ricevuto un finanziamento SBIR dalla National Science Foundation per lo sviluppo di una tecnologia di utilizzo delle risorse lunari in situ. SBIR sta per Small Business Innovation Research ed è un programma del governo degli Stati Uniti che fornisce finanziamenti alle piccole imprese per lo sviluppo di tecnologie innovative, che potrebbero soddisfare specifiche esigenze di ricerca federali. Interlune ha quindi ricevuto un piccolo finanziamento dalla National Science Foundation (NSF) l’anno scorso per sviluppare una tecnologia specifica legata all’utilizzo delle risorse lunari sul posto.

Il progetto si concentra sullo sviluppo di un metodo per classificare la regolite lunare in base alla dimensione delle particelle, una tecnologia che potrebbe supportare l’estrazione di ossigeno lunare, la stampa 3D lunare e altre applicazioni. L’interesse per l’utilizzo delle risorse in situ (ISRU) sta crescendo nel settore delle startup spaziali, spinto in gran parte dalla volontà di NASA di costruire una presenza umana a lungo termine sulla Luna attraverso il suo programma Artemis. Questo approccio richiede lo sviluppo di tecnologie per generare materiali in loco, che vadano dalla costruzione di infrastrutture alla produzione di aria respirabile e propellenti.

Anche Blue Origin ha contribuito a questa area della tecnologia spaziale, avendo annunciato lo scorso anno di aver prodotto celle solari e cavi di trasmissione da un materiale simile al regolite lunare. Queste scoperte enfatizzano la necessità di una collaborazione estesa tra le aziende che si occupano di ISRU, come sottolineato anche dalla stessa Interlune: “L’uso delle risorse lunari è una svolta dirompente che consentirà alle missioni di ‘vivere del territorio’, rendendo lo sviluppo di questa tecnologia importante sia per le agenzie governative, sia per l’industria.””

POTREBBE INTERESSARTI

Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Ed Dwight, ex capitano dell'Aeronautica militare selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta nero. Ha volato con Blue Origin.

Blue Origin riprende i lanci con passeggeri privati

Il New Shepard di Blue Origin riprende i voli turistici dopo un anno di indagini. A bordo Ed Dwight, selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta di...
Share This