La produzione dei chip costa a Intel perdite per 7 miliardi di dollari

da | 3 Apr 2024 | Business

Non ci siamo mai trovati, fortunatamente, nella posizione di prendere decisioni sbagliate che hanno causato perdite per 7 miliardi di dollari. Qualcun altro invece ci è riuscito (e magari avrà comunque il bonus di fine anno) e la news che ci troviamo a commentare oggi ne è la diretta conseguenza.

Intel ieri ha infatti annunciato per la sua divisione di produzione dei chip un bilancio negativo di 7 miliardi di dollari per il 2023, in peggioramento rispetto alle perdite per 5,2 miliardi dell’anno precedente.

I ricavi generati da questa divisione l’anno scorso si sono fermati a 18,9 miliardi di dollari, in calo del 31% dai 27,49 miliardi del 2022. La notizia ha avuto immediate ripercussioni sul mercato azionario, con un crollo del valore delle azioni Intel del 4,3% non appena le informazioni sono state rese pubbliche alla SEC.

E a quanto pare, il periodo difficile di Intel non è destinato a finire a breve. Durante un incontro con gli investitori, Pat Gelsinger, CEO del colosso americano dei semiconduttori, ha anticipato che il 2024 registrerà le perdite operative più significative per la divisione di produzione chip, prevedendo un ritorno all’equilibrio operativo entro il 2027.

Gelsinger ha attribuito le attuali difficoltà finanziarie dell’azienda a scelte poco felici, come la decisione di non investire nelle avanzate macchine per la litografia a ultravioletti estremi (EUV) di ASML, forse per via del loro elevato costo unitario di oltre 150 milioni di dollari.

Questa decisione ha però costretto Intel a esternalizzare circa il 30% della produzione di wafer. L’obiettivo futuro è di ridurre questa percentuale al 20%, ma intanto tra i beneficiari di questa strategia troviamo i rivali taiwanesi di TSMC, che non senza una certa ironia Intel ha dichiarato di voler superare entro la fine di quest’anno.

Gelsinger ha comunque enfatizzato l’importanza dell’adozione della tecnologia EUV per migliorare la competitività di Intel in termini di costo ed efficienza, con l’obiettivo di riconquistare la leadership di mercato.

L’azienda prevede di investire 100 miliardi di dollari per espandere e costruire nuove fabbriche di chip in quattro stati degli USA, sfruttando i finanziamenti governativi garantiti dal decreto Chips for America. E riceverà anche 20 miliardi di dollari dal governo americano nell’ambito del decreto Chip for America.

La sfida sarà ora convincere il mercato della validità e dell’affidabilità delle sue capacità produttive. E prendere decisioni più lungimiranti.

 

POTREBBE INTERESSARTI

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Apple torna a essere la regina del mercato

L’IA rende (nuovamente) Apple l’azienda più ricca al mondo

Gli annunci della WWDC 2024 proiettano il valore di Apple oltre quello di Microsoft, fino a raggiungere una capitalizzazione di 3,29 trilioni di dollari.

Dazi e indagini: mano pensate della UE contro i sussidi cinesi

Dazi fino al 38% e indagini: mano pesante della UE contro la Cina

In vista maggiorazioni fino al 38,1% sulle auto elettriche e varie investigazioni per verificare il corretto funzionamento del mercato. Ma la sensazione è che si voglia...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
Nvidia sorpassa Apple in borsa e si avvicina al primato di Microsoft

Nvidia sorpassa Apple e riscrive le gerarchie della Silicon Valley

La valutazione record del produttore di chip sfiora i 3,012 trilioni di dollari, superando Apple e avvicinandosi al primato di Microsoft.

La saudita Prosperity7 Ventures ha investito 400 milioni di dollari nella della startup cinese Zhipu AI

Strappo saudita con gli USA: $400 milioni all’IA cinese di Zhipu

Prosperity7 Ventures, braccio di Saudi Aramco, diventa il primo investitore straniero a sostenere una startup di IA generativa in Cina.

Nvidia rimbalza in borsa grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

NVIDIA: ascesa vertiginosa in borsa grazie gli investimenti nell’IA

Dopo il crollo di settimana scorsa, Nvidia registra un’impennata della capitalizzazione di mercato grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

I fondatori di Perplexity AI, da sinistra a destra: Aravind Srinivas, Denis Yarats e Johnny Ho. Foto: The Wall Street Journal

Perplexity AI supera il miliardo di dollari

La valutazione di Perplexity AI è raddoppiata in soli tre mesi, segnale dell’interesse crescente degli investitori per un’alternativa a Google basata...
Share This