L’India sollecita i partiti a rinunciare ai deepfake in campagna elettorale

da | 7 Mag 2024 | IA, Tech

Che i deepfake avrebbero sovvertito l’esercizio della democrazia, è qualcosa che abbiamo scritto più volte su TechTalking. Pertanto, e purtroppo, dalle finte chiamate di Biden di qualche mese fa siamo passati al comunicato ufficiale appena diffuso dalla Commissione Elettorale dell’India. In esso si sollecitano tutti i partiti politici a non utilizzare deepfake e altre forme di false informazioni nei loro comunicati sui social media, nel corso delle attuali elezioni generali del paese.

Il comunicato, rilasciato ieri, obbliga i partiti politici a eliminare qualsiasi audio o video deepfake entro tre ore dalla scoperta del loro esistenza. Inoltre, i partiti sono invitati a identificare e mettere in guardia gli individui che creano tali contenuti falsi. Questa iniziativa della Commissione Elettorale segue le critiche ricevute dall’Corte Alta di Delhi per non aver contrastato efficacemente tali pratiche nella nazione più popolosa al mondo.

L’India, con una popolazione di oltre 1,5 miliardi di persone, ha dato il via alle sue elezioni generali il 19 aprile, che si concluderanno il 1° giugno. Le elezioni sono già state oggetto di controversie legate all’uso di deepfake e alla disinformazione.

Il primo ministro Narendra Modi ha espresso, alla fine del mese scorso, preoccupazioni riguardo l’uso di registrazioni vocali false che mostrano leader politici fare affermazioni che “non hanno mai nemmeno considerato”, affermando che ciò fa parte di un complotto mirato a creare tensione nella società.

La polizia indiana ha arrestato almeno sei persone appartenenti ai team di social media del Congresso Nazionale Indiano, il principale partito di opposizione del paese, per aver diffuso un video manipolato che ritraeva il Ministro dell’Interno Amit Shah in dichiarazioni mai fatte.

L’India è al centro di una discussione sull’uso e la diffusione dei deepfake da diversi mesi. Ashwini Vaishnaw, Ministro dell’IT dell’India, ha incontrato a novembre grandi aziende dei social media come Meta e Google, concordando sulla necessità di una regolamentazione più efficace per contenere la diffusione di video deepfake e delle applicazioni che ne facilitano la produzione.

Un altro ministro ha avvertito a gennaio che le aziende tecnologiche potrebbero subire severe sanzioni, inclusi divieti, se non agiscono attivamente contro i video deepfake. Il paese deve ancora trasformare in legge il suo progetto di regolamentazione sui deepfake. Lunedì, la Commissione Elettorale ha ribadito di aver “continuamente esortato” i partiti politici e i loro leader a “osservare il decoro e la massima moderazione durante la campagna elettorale pubblica”.

Viviamo in un epoca in cui i politici un giorno dicono una cosa, il giorno dopo ne dicono un’altra. E in cui chiunque a casa può comodamente realizzare un deepfake con pochi secondi di video e audio. Sarà sempre più, difficile in futuro capire se certe parole siano state messe o meno in bocca a un politico. O se quest’ultimo userà i deepfake come paravento per mascherare cosa che ha effettivamente detto e delle quali si è successivamente pentito.

POTREBBE INTERESSARTI

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Share This