Il New York Times: “AI Overview mette in difficoltà gli editori”

da | 4 Giu 2024 | IA, Tech

Più di un anno fa, Microsoft ha messo l’intelligenza artificiale generativa al centro del suo motore di ricerca, Bing. Google, temendo di compromettere la sua gallina dalle uova d’oro, ha inizialmente adottato un approccio più cauto. Tuttavia, durante la conferenza annuale degli sviluppatori di metà maggio, Google I/O, l’azienda ha annunciato il lancio aggressivo della sua nuova funzione di intelligenza artificiale, AI Overview.

Si tratta dell’ultimo tentativo di Google di recuperare terreno rispetto ai rivali Microsoft e OpenAI nella corsa all’IA. Gli AI Overview combinano affermazioni generate da modelli di intelligenza artificiale con frammenti di contenuto ottenuto da collegamenti live sul web. I riassunti spesso contengono estratti da più siti web citando le fonti, fornendo risposte complete senza che l’utente debba mai fare clic su un’altra pagina. Entro la fine dell’anno, oltre un miliardo di persone avranno accesso a questa tecnologia.

Dal suo debutto, lo strumento ha avuto difficoltà a distinguere tra articoli accurati e post satirici, causando scalpore online quando ha consigliato di mettere la colla sulla pizza o di mangiare sassi per una dieta equilibrata. Tuttavia, al di là di questi incidenti di percorso, questa novità preoccupa l’editoria, che teme che gli estratti rappresentino un grosso pericolo per un già fragile modello di business, riducendo drasticamente il traffico verso i siti da Google.

A lanciare il grido d’allarme, che chi scrive aveva già previsto mesi fa nell’articolo su Arc Search, è stavolta il ben più autorevole New York Times. Il celebre quotidiano americano a tal proposito ha interpellato vari editori, i quali sono concordi dell’affermare che Google li ha messi in una posizione difficile. Da un lato è imprescindibile che i loro siti siano elencati nei risultati di ricerca di Google, che per alcune testate può generare più della metà del loro traffico. Dall’altro, ciò significa che Google può utilizzare i loro contenuti editoriali nei riassunti di AI Overview.

Gli editori potrebbero cercare di proteggere i propri contenuti vietando al crawler web di Google di condividere frammenti dai loro siti. Tuttavia, i loro link verrebbero visualizzati senza alcuna descrizione, rendendo le persone meno propense a fare clic. Un’altra alternativa, ossia rifiutare di essere indicizzati da Google e non apparire affatto sul suo motore di ricerca, sarebbe invece fatale per la loro attività.

Google risponde che il suo motore di ricerca continua a inviare miliardi di visite ai siti web, fornendo valore agli editori. La società afferma inoltre di non mostrare i suoi riassunti di intelligenza artificiale quando è chiaro che gli utenti cercano notizie su eventi di attualità.

Liz Reid, vicepresidente della ricerca di Google, diffonde ottimismo per l’editoria: “Continuiamo a vedere che le persone spesso fanno clic sui link in AI Overview e li esplorano. Un sito web che appare in AI Overview ottiene effettivamente più traffico di uno con un semplice link blu tradizionale.”

Gli editori sostengono che è troppo presto per vedere una differenza nel traffico da Google dall’arrivo degli AI Overview. Tuttavia, la News/Media Alliance, un gruppo commerciale di 2000 giornali, ha inviato una lettera al Dipartimento di Giustizia e alla Commissione Federale del Commercio, sollecitando una indagine sull'”appropriazione indebita” di contenuti di notizie da parte di Google e a fermare il lancio degli AI Overview.

Infine, c’è la questione del copyright. Se OpenAI, nonostante la causa in corso col New York Times, sta prendendo accordi con vari editori per pagare l’utilizzo dei loro contenuti editoriali, Google non ha ancora fatto nulla di simile. Il gigante di Internet sta infatti resistendo a qualunque richiesta di compensazione da parte degli editori, sostenendo che ciò “minerebbe la natura del web aperto”.

Comunque vada a finire, ci permettiamo di osservare che ammesso e non concesso che il Congresso americano prenda provvedimenti contro Google, il mondo non si ferma agli USA. Sarà quindi interessante osservare come si muoverà l’Europa e, soprattutto, con quali tempistiche. O il rischio sarà di salvare l’editoria quando ormai di essa saranno solo rimaste le macerie.

POTREBBE INTERESSARTI

L'UE la sfida sul rispetto del DMA

Apple sotto accusa: l’UE la sfida sul rispetto del Digital Markets Act

La Commissione Europea avvia procedimenti per violazione del Digital Markets Act. Apple rischia una multa a partire da 38 miliardi di dollari.

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Share This