L’IA sta dividendo l’industria delle notizie

da | 3 Mag 2024 | IA

L’industria delle notizie sta vivendo una spaccatura senza precedenti a causa dell’intelligenza artificiale. Mentre infatti alcune testate si affidano alla collaborazione con le aziende di IA per proteggere il loro futuro, altre stanno scegliendo le vie legali citando in giudizio Sam Altman & Co.

Questa divisione è emersa chiaramente dall’azione legale del New York Times contro OpenAI, che ha scosso il panorama mediatico. Azione cui recentemente si sono uniti otto giornali regionali statunitensi quali The New York Daily News, Chicago Tribune, Orlando Sentinel, South Florida Sun Sentinel, San Jose Mercury News, Denver Post, Orange County Register e St. Paul Pioneer Press. In questi casi i quotidiani si sono coalizzati col New York Times e altre organizzazioni giornalistiche per citare in giudizio OpenAI e Microsoft per violazione del copyright.

Queste azioni legali, però, sono state mosse proprio mentre altri giganti dell’informazione, come il Financial Times e Associated Press, hanno preferito stringere accordi retribuiti con OpenAI, mettendo in in una luce ben diversa la richiesta miliardaria di danni da parte del Times. Ed è qui che emerge lampante il problema che stanno affrontando i media: appare molto difficile che si possa realizzare un fronte comune, dato che le esigenze degli editori sono diverse tra loro.

Le aziende d’informazione che si basano sulla pubblicità, dipendono fortemente dai visitatori che arrivano tramite i motori di ricerca. Queste imprese temono che le aziende tecnologiche utilizzino i loro contenuti per migliorare servizi basati sull’IA che potrebbero fornire informazioni direttamente agli utenti, bypassando così i siti di origine e riducendo il flusso di traffico verso di loro.

E non si pensi solo a ChatGPT; all’orizzonte si staglia la minaccia dei motori di ricerca gestiti dall’intelligenza artificiale, alla Perplexity AI per capirci, che producono una pagina riassuntiva delle risposte presenti nei vari siti, eliminando per l’utente la necessità di visitare gli stessi.

D’altra parte, le aziende di informazione che si concentrano sulla concessione di licenze, come l’Associated Press, hanno meno da temere in quanto gran parte dei loro ricavi proviene già da accordi che consentono l’accesso ai loro contenuti. Queste imprese sono più propense a stringere accordi con aziende di intelligenza artificiale, vedendoli come opportunità aggiuntive di business anziché come una minaccia alla loro attività principale.

Le aziende d’informazione più anziane, con decenni di contenuti archiviati, possiedono un tesoro di dati che potrebbe essere estremamente prezioso per i colossi dell’intelligenza artificiale che cercano di migliorare i loro modelli linguistici avanzati. Infine, gli editori di notizie che dispongono di ampi archivi video, come le emittenti televisive e le reti via cavo, godono di un certo vantaggio nei negoziati. Gli archivi video sono generalmente poco accessibili ai bot che raschiano i contenuti online, il che conferisce ai titolari un maggiore potere contrattuale rispetto alle imprese che si basano principalmente su testo.

Mentre le testate giornalistiche si dividono sulle strategie da adottare, le società tecnologiche non rimangono ferme. E hanno già iniziato ad acquisire i dati di cui hanno bisogno, senza aspettare che vengano negoziati i termini di pagamento, né in tribunale né sul mercato.

L’industria delle notizie si trova quindi di fronte a una sfida: come trovare il modo più remunerativo di collaborare con le aziende di IA, in assenza di un mercato che regoli le tariffe? Alcuni editori stanno esplorando soluzioni come TollBit e Fox Corp., che stanno sviluppando strumenti di mercato basati su tecnologia blockchain per facilitare i rapporti tra editori e società di IA.

Insomma, mentre il dibattito sull’IA continua a infiammare l’industria delle notizie, resta evidente che l’evoluzione digitale richiede un adattamento rapido e innovativo da parte delle testate giornalistiche se vogliono restare rilevanti in un panorama sempre più dominato dall’intelligenza artificiale.

Il punto, come sempre quando si parla di IA, è se il mondo legacy riuscirà a reagire tempestivamente ai mutamenti di una società che sta cambiando a velocità esponenziale.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This