Huawei accelera sui chip per l’IA e rallenta sugli smartphone

da | 7 Feb 2024 | Tech

La domanda crescente di chip per intelligenza artificiale ha portato Huawei, il colosso tecnologico cinese, a ridurre la produzione dei suoi smartphone di punta, i Mate 60. Tra le cause, i vincoli produttivi risultanti dalle aggressive politiche commerciali americane, e una una bassa percentuale di rendimento dei propri chip, indice di una non ottimale qualità produttiva.

Il risultato è l’impossibilità di portare avanti congiuntamente la produzione dei chip Ascend AI e Kirin, che sono il cuore dei dispositivi mobile concorrenti dell’iPhone di Apple.

La competizione internazionale per l’IA e le tensioni tecnologiche tra Cina e Stati Uniti hanno così spinto Huawei a dare meno priorità ai suoi smartphone, nonostante l’azienda abbia recentemente conquistato il primo posto nelle vendite di smartphone in Cina, un risultato che non raggiungeva da più di tre anni.

Questo scenario sottolinea le difficoltà che Huawei sta affrontando nel ricostruirsi dopo le sanzioni statunitensi del 2019, che hanno limitato l’accesso a tecnologie avanzate per la fabbricazione di chip per motivi di sicurezza nazionale, compromettendo significativamente il suo segmento di smartphone. L’azienda ha sempre negato di rappresentare una minaccia per la sicurezza.

Le restrizioni imposte dagli USA alla vendita in Cina di chip per l’elaborazione IA, un mercato precedentemente dominato da Nvidia, hanno avuto un forte impatto, spingendo i clienti cinesi verso produttori locali dopo le ultime limitazioni introdotte a ottobre. Il governo cinese ha quindi avviato iniziative per rafforzare la propria posizione nel settore del calcolo, stimolando progetti di data center da parte delle autorità locali e incrementando la domanda sia pubblica che privata per i chip Ascend di Huawei.

L’Ascend 910B è attualmente considerato il miglior chip AI disponibile in Cina al di fuori dell’offerta di Nvidia. A causa della priorità data ai chip Ascend, la produzione degli smartphone Mate 60 subirà dunque dei rallentamenti. L’azienda sta anche lavorando per migliorare la qualità dei chip prodotti per wafer, sperando che questa situazione sia solo temporanea.

Nonostante Huawei mantenga un profilo basso riguardo alle sue capacità e ambizioni nella produzione di chip, i suoi progressi sono diventati evidenti col lancio a sorpresa della serie Mate 60, che ha incluso chip cinesi capaci di supportare la rete 5G. Questo è stato possibile grazie alla collaborazione con SMIC, il maggior produttore cinese di chip su contratto, e alla modifica delle macchine per la litografia ad ultravioletti profondi, aggirando così i blocchi dagli USA (abbiamo approfondito il tema in questo articolo).

La serie Mate 60 si è rapidamente esaurita, con lunghi tempi di attesa per i preordini. Nonostante ciò, ha contribuito significativamente al successo di vendite di Huawei in Cina all’inizio del 2024. Altre linee di prodotti Huawei, come l’unità di calcolo MDC 810 equipaggiata con Ascend per sistemi avanzati di assistenza alla guida, hanno subito ritardi, influenzando anche la consegna di modelli di punta da parte dei produttori di auto cinesi.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

Netflix scommette sui negozi fisici con le "Netflix Houses"

Netflix scommette sui negozi fisici con le “Netflix Houses”

Dopo Amazon con Whole Foods, un nuovo ritorno al passato di un gigante tech.

Dell, il ritorno in ufficio fallisce

Dell: il ritorno in ufficio fallisce, il 50% dei dipendenti rimane remoto

Dell impone restrizioni sulle promozioni per chi sceglie di lavorare da casa. Ma molti lavoratori preferiscono rimanere in remoto per i benefici personali.

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Ecco PillBot, la pillola robotica che rivoluzionerà la gastroenterologia

Fondata nel 2019, Endiatx lavora per realizzare l’idea di robot miniaturizzati che navigano nel corpo umano per scopi diagnostici e terapeutici. Oggi vi parliamo...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA

L’antivirus Kaspersky sarà vietato negli USA per via dei legami col governo russo

L’antivirus Kaspersky sarà vietato a partire da giovedì negli USA da Biden per via dei legami troppo stretti col governo russo.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

Share This