Hanno ritrovato un satellite scomparso da 25 anni

da | 6 Mag 2024 | Aerospace

Il pallone per la calibrazione infrarossa S73-7, un relitto della Guerra Fredda originariamente destinato a supportare uno dei più grandi sistemi di spionaggio orbitale dell’Aeronautica Militare, è stato finalmente ritrovato. Ovviamente, non funziona più.

Lanciato nel 1974 dal satellite di ricognizione KH-9 Hexagon a circa 800 chilometri di altezza, il pallone non è riuscito a gonfiarsi completamente, raggiungendo solo una frazione del suo diametro previsto di 66 metri. Questo guasto lo ha reso incapace di assistere le apparecchiature a terra con le triangolazioni, trasformandolo di fatto in un detrito orbitale.

La scomparsa dell’IRCB venne notata poco dopo il suo lancio, poi il satellite fu riscoperto nei primi anni ’90. Dopo essere stato perso di vista una seconda volta (!), è solo in queste ore che il 18° Squadrone di Difesa Spaziale della Space Force è riuscito a rintracciarlo nuovamente, ponendo fine a un mistero vecchio di un quarto di secolo.

La conferma del ritrovamento è stata data da Jonathan McDowell, astrofisico presso il Centro di Astrofisica Harvard-Smithsonian, attraverso un post sulla piattaforma X, in cui ha espresso le sue congratulazioni a chiunque abbia identificato il satellite.

Il caso dell’S73-7 riporta l’attenzione sulla capacità di tracciamento degli oggetti in orbita. Con oltre 27.000 oggetti registrati sopra le nostre teste, molti dei quali sono stadi di razzi esausti e satelliti inattivi che non inviano segnali di identificazione, il tracciamento diventa una sfida sempre più significativa. Questi oggetti, infatti, non emettono segnali identificativi verso la Terra, complicando notevolmente il loro monitoraggio.

I sistemi di tracciamento dipendono dall’abilità di associare un oggetto osservato con la sua traiettoria orbitale prevista. Avere a disposizione dati radar aggiornati e una zona orbitale non troppo affollata facilita di gran lunga l’identificazione dei satelliti. Tuttavia, la situazione si complica in aree dense di oggetti, dove è più difficile per i sensori fare corrispondere gli oggetti ai dati disponibili, soprattutto se si è perso di vista il bersaglio per un lungo periodo, come è accaduto per il piccolo pallone di calibrazione infrarossa degli anni ’70.

Nonostante queste difficoltà, l’importanza di monitorare e catalogare ogni oggetto in orbita non è mai stata così critica, data la crescente dipendenza dell’umanità dalle tecnologie satellitari e le implicazioni per il futuro dei viaggi spaziali.

Il pallone S73-7, ora tracciabile nonostante la sua quota leggermente ridotta, rimarrà in orbita per ancora molti altri anni prima che la gravità terrestre lo richiami a sé, segnando la fine del suo lungo e solitario viaggio nello spazio.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Share This