Google rompe con Appen e si (ri)torna a parlare dei ‘lavoratori fantasma’

da | 25 Gen 2024 | IA

Un argomento spesso dibattuto nel campo delle intelligenze artificiali riguarda le modalità e i materiali utilizzati per il loro addestramento, inclusa la questione dei diritti d’autore. Tuttavia, ciò che viene meno frequentemente esplorato è l’identità di coloro che selezionano quei materiali. E l’immagine che emerge da un articolo di The Guardian, è lontana dall’essere rassicurante.

Il catalizzatore è stata la recente decisione di Google di interrompere il suo rapporto lavorativo con Appen a partire dal 19 marzo 2024. Appen è un’azienda australiana che conta su 1 milione di appaltatori qualificati sparsi in tutto il mondo, che parlano oltre 235 lingue e risiedono in 170 paesi diversi. Lavorando da casa, questi individui si dedicano alla etichettatura di foto, testi, audio e altri dati per perfezionare i sistemi di IA impiegati dalle grandi aziende tecnologiche, inclusa Google. Questi lavoratori sono stati definiti “fantasma”, poiché il loro ruolo nell’addestramento dei sistemi è invisibile agli occhi degli utenti quotidiani.

Appen ha fatturato di 82,8 milioni di dollari USA (125 milioni di dollari australiani) da Google nell’anno finanziario 2023. Dopo l’annuncio di Google di terminare la collaborazione nell’ambito di una “revisione strategica”, l’azienda ha informato la Borsa australiana, registrando una perdita immediata del 40% del proprio valore azionario.

“La notizia è stata inaspettata e deludente, in particolare alla luce dei progressi realizzati recentemente nella trasformazione di Appen e delle sue prestazioni nel novembre e dicembre 2023”, ha dichiarato la società, sottolineando il suo focus sulla gestione dei costi, la ripresa aziendale e la fornitura di “dati IA di alta qualità ai propri clienti”. Un portavoce di Google ha quindi risposto affermando che la decisione di terminare il contratto “fa parte del nostro costante sforzo di valutare e rivedere le nostre partnership con i fornitori in tutto Alphabet per assicurare la massima efficienza delle nostre operazioni”.

Le attività svolte da Appen verranno affidate a nuovi fornitori, ha spiegato Google, lasciando intendere che quella australiana è solo una delle molte aziende colpite dai tagli del colosso guidato da un Sundar Pichai mai così attento a identificare risparmi ed efficienze dei processi produttivi.

Il sindacato dei lavoratori di Google negli USA, Alphabet Workers Union-Communications Workers of America, ha messo in luce che, dato che Google rappresenta un terzo delle entrate di Appen, tale decisione avrà un “impatto devastante” sui lavoratori subappaltati, segnando un punto di svolta per i dipendenti del settore tecnologico sull’impatto dell’IA sul lavoro.

“Siamo i canarini nella miniera di carbone dell’IA, che denunciano le condizioni lavorative precarie che affrontano gli intermediari tra i grandi modelli di linguaggio e gli utenti finali”, ha affermato Toni Allen, segretario esecutivo del consiglio di Alphabet Workers Union-Communications Workers of America. E ha poi aggiunto: “Questo è ciò che succede quando i lavoratori non hanno voce in capitolo nel processo. È tempo che il mondo ascolti le nostre voci prima che questa situazione si ripeta altrove”.

In un articolo pubblicato a ottobre, Wired ha evidenziato che i contractor di Appen, impegnati nell’addestramento di sistemi di intelligenza artificiale per Google e altre aziende, ricevono compensi fino a 2,2 centesimi di dollaro USA per ogni task. Una lavoratrice in Colombia ha riferito a Wired di guadagnare circa 280 dollari USA al mese, poco meno del salario minimo colombiano di 285 dollari USA. Appen ha confermato di assicurare retribuzioni superiori al minimo locale, sebbene le tariffe varino in base alla natura del progetto e alle competenze richieste.

Inoltre, nel 2021, una candidata di colore per un ruolo di contractor presso Appen ha dovuto specificare il suo colore della pelle, scegliendo tra opzioni che variavano dal chiaro allo scuro. Appen si era giustificata affermando che la domanda mirava a raccogliere dati per il miglioramento dell’IA, ma successivamente ha eliminato tale richiesta dal formulario di candidatura.

 

POTREBBE INTERESSARTI

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

NVIDIA lancia Nemotron-4 340B per la generazione di dati sintetici

La famiglia di modelli Nemotron-4 340B servirà per l’addestramento dei degli LLM in tutti quei casi in cui i dati reali sono costosi, difficili da ottenere o...
Share This