Scandalo FTX: Sam Bankman-Fried condannato a 25 anni di prigione

da | 28 Mar 2024 | Business

Prima della sua rovinosa caduta, FTX spiccava tra le maggiori borse di criptovalute per volume di scambi, posizionandosi subito dopo giganti come Coinbase e Binance.

Sam Bankman-Fried, il suo cofondatore ed ex CEO, nonché capo della società di trading Alameda Research, si muoveva tra le stelle, circondato da celebrità del calibro di Katy Perry e campioni sportivi quali Tom Brady. Vedeva anche il nome della sua azienda sulle divise degli arbitri della Major League Baseball e dominare l’arena dei Miami Heat.

FTX aveva raggiunto una base di utenti che si contava in milioni, coi ricavi che avevano fatto un salto da 10 milioni a 20 milioni di dollari nel 2019, per poi balzare a 80 milioni nel 2020 e sfondare il tetto del miliardo nel 2021, con un introito giornaliero che nell’ultimo anno aveva raggiunto i 3 milioni di dollari.

Tuttavia, la popolarità e la fiducia nella figura di Bankman-Fried all’interno della comunità delle criptovalute sono precipitate in seguito alla rivelazione di un bilancio non propriamente attendibile di Alameda da parte della testata specializzata CoinDesk nel novembre 2022.

Ciò ha innescato un’onda d’urto che ha alimentato dubbi e preoccupazioni riguardo la liquidità di FTX. In pochi giorni, la piattaforma si è vista costretta a dichiarare fallimento, con Bankman-Fried che si è dimesso dalla carica di CEO.

Le indagini e le udienze che hanno preceduto il processo hanno messo in luce che il disastro era di proporzioni ben maggiori di quanto inizialmente temuto, con Bankman-Fried e altri dirigenti accusati di aver malversato oltre 8 miliardi di dollari dei fondi dei clienti.

Durante il processo, Bankman-Fried ha sostenuto di non aver commesso frodi ai danni dei clienti di FTX né di aver utilizzato indebitamente i loro fondi, affermando piuttosto che Alameda aveva “preso in prestito” quei capitali dalla piattaforma.

Mark Cohen, avvocato capo di Bankman-Fried, ha anche detto che il governo ha creato un caso contro Bankman-Fried simile a un film di Hallmark e, sebbene abbia preso “cattive decisioni commerciali”, il governo ha “cercato di dipingere Sam come una sorta di cattivo, una sorta di mostro”.

Tuttavia, questa narrazione non ha fatto presa sulla giuria. I pubblici ministeri hanno insistito sul fatto che Bankman-Fried avesse fatto numerose false promesse, sia interne che esterne, risultando responsabile della perdita di miliardi di dollari per migliaia di investitori di FTX, sottolineando l’illecito nell’utilizzare i fondi dei clienti di FTX senza il loro consenso o la loro conoscenza.

Di conseguenza, Sam Bankman-Fried è stato oggi condannato a 25 anni di reclusione dal giudice Lewis Kaplan del Southern District of New York, circa cinque mesi dopo essere stato trovato colpevole di tutti e sette i capi d’accusa per frode e riciclaggio di denaro. Considerando che la pena massima totale avrebbe potuto raggiungere i 110 anni, si può dire che sia stato fortunato.

“Quando non mentiva era evasivo, cavillava, cercava di far riformulare le domande dei pubblici ministeri”, ha dichiarato il giudice Kaplan. “Faccio questo lavoro da quasi 30 anni. Non ho mai visto una performance del genere“, ha riportato l’Inner City Press.

Nonostante le richieste di una pena di 40-50 anni da parte dell’accusa, per riflettere l’entità della frode stimata alla fine in almeno 10 miliardi di dollari, e nonostante la difesa avesse proposto una condanna ridotta a 63-78 mesi, citando il suo “prendersi cura delle persone”, il “rimorso” e la “responsabilità di basso livello”, la sentenza di Kaplan mira a fungere da deterrente all’interno dell’industria delle criptovalute, sottolineando la necessità di responsabilità e integrità.

Attualmente, Bankman-Fried è detenuto nel Metropolitan Detention Center di Brooklyn, New York, dove ha perso il diritto alla cauzione, unendo il suo nome a quello di altri famosi detenuti come la complice di Jeffery Epstein, Ghislaine Maxwell, e il “pharma bro” Martin Shkreli.

POTREBBE INTERESSARTI

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Apple torna a essere la regina del mercato

L’IA rende (nuovamente) Apple l’azienda più ricca al mondo

Gli annunci della WWDC 2024 proiettano il valore di Apple oltre quello di Microsoft, fino a raggiungere una capitalizzazione di 3,29 trilioni di dollari.

Dazi e indagini: mano pensate della UE contro i sussidi cinesi

Dazi fino al 38% e indagini: mano pesante della UE contro la Cina

In vista maggiorazioni fino al 38,1% sulle auto elettriche e varie investigazioni per verificare il corretto funzionamento del mercato. Ma la sensazione è che si voglia...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
Nvidia sorpassa Apple in borsa e si avvicina al primato di Microsoft

Nvidia sorpassa Apple e riscrive le gerarchie della Silicon Valley

La valutazione record del produttore di chip sfiora i 3,012 trilioni di dollari, superando Apple e avvicinandosi al primato di Microsoft.

La saudita Prosperity7 Ventures ha investito 400 milioni di dollari nella della startup cinese Zhipu AI

Strappo saudita con gli USA: $400 milioni all’IA cinese di Zhipu

Prosperity7 Ventures, braccio di Saudi Aramco, diventa il primo investitore straniero a sostenere una startup di IA generativa in Cina.

Nvidia rimbalza in borsa grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

NVIDIA: ascesa vertiginosa in borsa grazie gli investimenti nell’IA

Dopo il crollo di settimana scorsa, Nvidia registra un’impennata della capitalizzazione di mercato grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

I fondatori di Perplexity AI, da sinistra a destra: Aravind Srinivas, Denis Yarats e Johnny Ho. Foto: The Wall Street Journal

Perplexity AI supera il miliardo di dollari

La valutazione di Perplexity AI è raddoppiata in soli tre mesi, segnale dell’interesse crescente degli investitori per un’alternativa a Google basata...
Tesla: nel primo trimestre i profitti crollano del 55%

Tesla: nel primo trimestre i profitti crollano del 55%

Tesla accusa la concorrenza del mercato delle ibride ma convince gli investitori con una roadmap proiettata al futuro.

Share This