Secondo l’FMI, l’IA minaccerà il 40% dei posti di lavoro e aumenterà le disparità

da | 15 Gen 2024 | Tech, Main

Nata a Sofia, classe 1953, Kristalina Georgieva è un’economista e politica bulgara. Ha lavorato come direttrice generale della Banca Mondiale dal 2017 al 2019, e ha ricoperto il ruolo di presidente facente funzione del gruppo Banca Mondiale per un paio di mesi nel 2019.

Durante la presidenza Barroso è stata Commissario Europeo per la cooperazione internazionale e gli aiuti umanitari; dal 2014 al 2016 ha ricoperto l’incarico di vicepresidente della Commissione Europea e Commissario Europeo per il bilancio e le risorse umane nella Commissione Juncker.

Il motivo per cui si interessa oggi, però, è che dal 1º ottobre 2019 è direttrice operativa del Fondo Monetario Internazionale, organizzazione internazionale che promuove la stabilità economica e finanziaria globale. È stata fondata nel 1944, ha sede a Washington, ed è composto da 190 paesi membri.

Tutto ciò per dire che se a dare certe notizie è cotanto personaggio, a capo di cotanta organizzazione, un minimo d’attenzione bisogna prestarla. Ebbene, l’IA colpirà mediamente il 40% dei posti di lavoro, secondo la Georgieva. Che ha poi aggiunto: “nella maggior parte degli scenari, l’AI probabilmente peggiorerà complessivamente le disuguaglianze“. La politica, a suo dire, dovrebbe affrontare questa “tendenza preoccupante” per “impedire che la tecnologia aumenti ulteriormente le tensioni sociali”.

Le analisi del FMI, che potete consultare qui in versione integrale, vengono poi rafforzate da un’altra considerazione: nelle economie avanzate l’IA influenzerà fino al 60% dei posti di lavoro. Con un doppio effetto: da un lato potenzierà la produttività di alcuni lavoratori, dall’altro ridurrà la domanda di manodopera, col rischio di una riduzione salariale e della perdita di posti di lavoro. Nei paesi a basso reddito l’impatto previsto è minore, interessando circa il 26% dei posti di lavoro.

Un rapporto di Goldman Sachs del 2023 aveva già sollevato preoccupazioni simili, suggerendo che l’AI potrebbe sostituire fino a 300 milioni di posti di lavoro a tempo pieno, pur creando nuove opportunità di lavoro e incrementando la produttività.

Georgieva ha sottolineato che molti paesi in via di sviluppo mancano dell’infrastruttura e delle competenze necessarie per trarre pieno vantaggio dall’AI, il che potrebbe esacerbare il divario di disuguaglianza tra le nazioni. Ha inoltre evidenziato come l’adozione dell’AI potrebbe beneficiare in modo sproporzionato i lavoratori più giovani e con redditi più elevati, mentre quelli più anziani e con redditi più bassi rischiano di rimanere indietro.

Per mitigare questi effetti, Georgieva ha enfatizzato la necessità di istituire solide reti di sicurezza sociale e programmi di riqualificazione per i lavoratori più vulnerabili. Questi passi sono cruciali per garantire una transizione all’AI più equa e inclusiva, proteggendo i mezzi di sussistenza e limitando l’incremento delle disuguaglianze.

Diverse nazioni stanno introducendo regolamentazioni più stringenti sull’utilizzo dell’AI, volte a un utilizzo più sicuro della tecnologia. Lo scorso mese, ad esempio, i funzionari dell’Unione Europea hanno raggiunto un accordo provvisorio sulle prime leggi volte a regolare l’uso dell’AI.

La Cina ha introdotto le prime regolamentazioni nazionali sull’IA, che includono regole su come gli algoritmi possono essere sviluppati e implementati. Lo scorso ottobre, infine, il Presidente Biden ha firmato un ordine esecutivo che obbliga gli sviluppatori a condividere con il governo degli Stati Uniti i risultati sulla sicurezza relativi all’AI.

A novembre invece il Regno Unito ha ospitato un vertice sulla sicurezza dell’IA, durante il quale è stata firmata da più paesi una dichiarazione sullo sviluppo sicuro della tecnologia. Siamo poi sicuri che l’IA sarà argomento di discussione da parte dei leader aziendali e dei politici globali alla 54esima edizione del World Economic Forum di Davos, iniziata in Svizzera.

Bisognerà vedere, però, se la politica riuscirà a muoversi con la stessa velocità con cui la tecnologia sta cambiando le nostre vite.

POTREBBE INTERESSARTI

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell'intelligenza artificiale, settore in cui è leader grazie ai suoi processori di fascia alta, Nvidia ha infranto un nuovo...
Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano
,

Tesla rivela che due robot Optimus già lavorano… autonomamente

I robot Optimus di Tesla starebbero già lavorando in fabbrica senza intervento umano. Saranno in vendita dal prossimo anno.

di Apple Intelligence vedrà la collaborazione tra Apple e OpenAI.
,

Apple Intelligence: come funzionerà l’accordo con OpenAI?

Superato l’annuncio della WWDC 2024, restano aperti molti interrogativi non solo sul presente ma anche sul futuro di Apple Intelligence. Ecco quali…

Google investe nel geotermico di Warren Buffet

Google investe nel geotermico di Buffet per il datacenter del Nevada

L’accordo con NV Energy e Fervo Energy fornirà 115 megawatt di energia geotermica ai data center di Google nel Nevada

Brad Smith, presidente di Microsoft

Microsoft al Congresso: “responsabili per gli attacchi di Cina e Russia”

Brad Smith, presidente di Microsoft: “Ogni problema riscontrato è colpa nostra”.

Elon Musk ha ritirato la causa contro OpenAI
,

Elon Musk ritira la causa contro OpenAI

Tanto tuonò che… non piovve.

Aerei solari, la nuova frontiera della sorveglianza e delle telecomunicazioni

Aerei solari, la nuova frontiera di sorveglianza e telecomunicazioni

Sono leggerissimi, consumano come un asciugacapelli, possono restare in volo per lunghissimo tempo e offrono servizi migliori rispetto a palloni sonda e satelliti. Ecco...
Elon Musk minaccia il divieto di accesso ai dispositivi Apple con OpenAI

Elon Musk minaccia il divieto ai dispositivi Apple con OpenAI nei suoi stabilimenti

L’imprenditore critica duramente la scelta di Apple di collaborare con OpenAI, sollevando preoccupazioni su privacy e sicurezza.

Share This