Doom “giocato” sui batteri è l’ultima frontiera della bioingegneria

da | 1 Feb 2024 | Videogames

Può sembrare una storia degna di un meme, ma l’ultima incarnazione di uno dei videogiochi più celebri di sempre ha davvero dell’incredibile. Dopo essere stato reso giocabile su fogli Excel, forni a microonde e pure test di gravidanza, Doom si è reso protagonista di una speciale edizione realizzata attraverso l’utilizzo di alcuni impensabili protagonisti: i batteri intestinali.

Una ricercatrice del MIT, Lauren Ramlan, è stata in grado di eseguire l’iconico gioco di id Software utilizzando questo insolito espediente. Come? Trasformando i batteri in pixel per visualizzare l’FPS di 30 anni fa. Per farlo ha utilizzato una proteina fluorescente chiamata GFP (Green Fluorescent Protein), che assorbe la luce blu e la riemette come luce verde. I batteri sono stati geneticamente modificati per esprimere GFP e organizzati in una matrice 32×48, in cui ognuno di essi batterio rappresentava un pixel.

Per visualizzare un’immagine, Ramlan ha illuminato i batteri con luce blu, che è stata assorbita per poi essere riemessa sottoforma di luce verde, che è stata quindi catturata da una telecamera. Naturalmente non ci troviamo al cospetto di una versione canonica dello shooter, dato che l’applicazione in questione non è certo esente da alcuni limiti.

Innanzitutto, i batteri in realtà non gestiscono il gioco. Quello che accade, in realtà, è che i batteri si combinano per agire come un piccolissimo monitor che riproduce il gameplay dell’amato sparatutto. Inoltre, c’è il problema del frame rate, che è sempre un elemento importante quando si parla di videogiochi, soprattutto i FPS. Ad essere sinceri, la fluidità è davvero atroce, probabilmente a causa del fatto che i batteri non sono mai stati destinati alla visualizzazione dei videogiochi 3D. I microorganismi impiegano infatti 70 minuti per illuminare un fotogramma del gioco e altre otto ore per tornare allo stato iniziale.

Ciò si traduce in quasi nove ore per renderizzare un singolo fotogramma, il che significa che ci vorrebbero circa 600 anni per giocare Doom dall’inizio alla fine. Ramlan ha comunque dichiarato che spera di migliorare la risoluzione e il frame rate del suo display in futuro. Se ci riuscirà, il suo lavoro potrà avere implicazioni significative per la medicina e la bioingegneria.

Anche se l’esperimento non offre un’esperienza di gioco esattamente fluida, si è rivelata un’idea molto ingegnosa. Inoltre, asseconda ulteriormente la teoria secondo cui Doom può funzionare praticamente con qualsiasi cosa. Pubblicato nel 1993 per PC, il gioco è stato un successo immediato, vendendo milioni di copie in tutto il mondo. Il suo codice sorgente open source è stato reso disponibile al pubblico nel 1997.

Il gioco è una delle espressioni di programmazione più celebri di sempre, oggetto di studio da parte di coder di tutto il mondo in virtù della sua semplicità ed efficienza. Ciò ha reso Doom protagonista di alcuni dei porting più impensabili della storia, e la versione di cui abbiamo parlato che non è altro che l’ultimo esempio.

POTREBBE INTERESSARTI

Microsoft annuncia una Xbox Series X bianca senza disco

Microsoft annuncia una Xbox Series X bianca senza disco

Arriverà anche una nuova Xbox Series X da 2TB in nero.

Keywords Studios è l'azienda leader in servizi di supporto per l'industria dei videogiochi

Keywords in trattative con EQT per un’acquisizione da £2 miliardi

L’azienda leader nei servizi di supporto per l’industria dei videogiochi attira l’interesse della svedese EQT. E le azioni vanno ai massimi...
Microsoft aggiungerà il prossimo Call of Duty al Game Pass

Microsoft aggiungerà il prossimo Call of Duty al Game Pass

L’annuncio ufficiale è atteso all’Xbox Games Showcase.

Microsoft chiuderà quattro studi di Bethesda

Microsoft chiuderà quattro studi di Bethesda

La divisione Xbox di Microsoft taglierà Arkane Austin, lo sviluppatore di Redfall e anche Tango Gameworks.

L'attaccante del Manchester City, Erling Haaland, diventerà un personaggio di Clash of Clans.

Erling Haaland diventa la prima persona reale in Clash of Clans

L’attaccante del Manchester City, Erling Haaland, diventa un personaggio di Clash of Clans. Ci gioca da oltre 10 anni.

Lars Wingefors, CEO di Embracer, ha annunciato oggi la divisione del colosso scandinavo dei videogame in tre diverse entità

Embracer si fa in tre e il mercato la premia

Dopo nove mesi lacrime e sangue, Embracer si divide in Asmodee Group, Coffee Stain & Friends e Middle-Earth Enterprises & Friends. E gli azionisti la...
Savvy Games aumenterà gli investimenti nel mobile dopo il successo di Monopoly Go.

Savvy Games accelera su mobile dopo il successo di Monopoly Go

Con 2 miliardi di dollari di ricavi, il gioco mobile guida l’espansione strategica della saudita Savvy Games nel settore videoludico.

Il produttore di Grand Theft Auto, Take-Two, licenzierà il 5% del personale

Il produttore di Grand Theft Auto, Take-Two, licenzierà il 5% del personale

Take-Two cancellerà anche alcuni progetti.

Nel 2023 i videogiocatori hanno speso la maggior parte del tempo con titoli vecchi almeno 6 anni

Nel 2023 i gamer hanno speso la maggior parte del tempo con videogiochi vecchi almeno 6 anni

Nel mercato dei videogiochi sembra esserci poco spazio per le novità.

NEO NPC mira a superare i limiti degli attuali NPC utilizzando l'IA generativa.

Ubisoft porta l’IA generativa nei videogiochi con NEO NPC

Ubisoft presenta alla GDC 2024 NEO NPC, una tecnologia rivoluzionaria basata sull’intelligenza artificiale. Ma roleplay non significa necessariamente...
Share This