Il Canada vuole tassare le Big Tech e gli USA protestano

da | 18 Apr 2024 | Business

Il Canada ha annunciato che introdurrà quest’anno una nuova imposta rivolta alle principali aziende tecnologiche mondiali. Ma siccome la tassa impatterà soprattutto sulle imprese americane, gli Stati Uniti stanno già minacciando possibili ritorsioni commerciali.

La proposta di legge per l’introduzione di questa tassa sui servizi digitali è attualmente in esame al Parlamento canadese. Dopo l’approvazione, “l’imposta entrerà in vigore a partire dal 2024 e retroattivamente sui ricavi ottenuti dal 1° gennaio 2022“, come specificato nei documenti di bilancio del Ministero delle Finanze rilasciati martedì.

Questa tassa consisterebbe in un prelievo del 3% sui ricavi provenienti dai servizi digitali realizzati in Canada che superano i 20 milioni di dollari canadesi (circa 14,7 milioni di euro) all’anno. La misura colpirebbe solo le società con un fatturato globale annuo superiore a circa 1,1 miliardi di dollari canadesi (circa 808 milioni di euro), includendo colossi come Alphabet e Meta.

Nel bilancio, il governo ha evidenziato come simili misure fiscali siano già state adottate da almeno altri sette paesi, inclusi Regno Unito, Francia, Italia e Spagna. L’ufficio di bilancio del Parlamento canadese ha calcolato che la tassa genererà entrate per circa 7,2 miliardi di dollari canadesi (circa 5,3 miliardi di euro) nei prossimi cinque anni fiscali.

La ministra delle Finanze, Chrystia Freeland, ha dichiarato che il Canada rinuncerà a questa tassa qualora entrasse in vigore un trattato fiscale globale attraverso l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, anche se finora gli Stati Uniti non hanno ratificato tale accordo. “I ritardi internazionali nell’adozione del trattato multilaterale costringono il Canada ad agire senza ulteriori attese”, ha affermato il dipartimento di Freeland.

Autorità legislative e amministrative americane hanno espresso il proprio disappunto verso l’imposta, ritenendola discriminatoria nei confronti delle aziende statunitensi e minacciando contromisure se il Canada dovesse procedere. “Questo diventerà un punto di frizione se non si giungerà a una soluzione”, ha affermato l’ambasciatore USA in Canada, David Cohen, in un discorso dello scorso ottobre. “O si troverà un accordo o ci sarà una bella lotta”.

A ottobre, anche i vertici della commissione finanziaria del Senato USA hanno sollecitato l’amministrazione Biden a comunicare chiaramente al Canada che le reazioni americane sarebbero state immediate in caso di attuazione della tassa. Anche gruppi imprenditoriali di entrambe le nazioni hanno richiesto a Freeland di desistere dall’introduzione della tassa.

POTREBBE INTERESSARTI

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Apple torna a essere la regina del mercato

L’IA rende (nuovamente) Apple l’azienda più ricca al mondo

Gli annunci della WWDC 2024 proiettano il valore di Apple oltre quello di Microsoft, fino a raggiungere una capitalizzazione di 3,29 trilioni di dollari.

Dazi e indagini: mano pensate della UE contro i sussidi cinesi

Dazi fino al 38% e indagini: mano pesante della UE contro la Cina

In vista maggiorazioni fino al 38,1% sulle auto elettriche e varie investigazioni per verificare il corretto funzionamento del mercato. Ma la sensazione è che si voglia...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
Nvidia sorpassa Apple in borsa e si avvicina al primato di Microsoft

Nvidia sorpassa Apple e riscrive le gerarchie della Silicon Valley

La valutazione record del produttore di chip sfiora i 3,012 trilioni di dollari, superando Apple e avvicinandosi al primato di Microsoft.

La saudita Prosperity7 Ventures ha investito 400 milioni di dollari nella della startup cinese Zhipu AI

Strappo saudita con gli USA: $400 milioni all’IA cinese di Zhipu

Prosperity7 Ventures, braccio di Saudi Aramco, diventa il primo investitore straniero a sostenere una startup di IA generativa in Cina.

Nvidia rimbalza in borsa grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

NVIDIA: ascesa vertiginosa in borsa grazie gli investimenti nell’IA

Dopo il crollo di settimana scorsa, Nvidia registra un’impennata della capitalizzazione di mercato grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

I fondatori di Perplexity AI, da sinistra a destra: Aravind Srinivas, Denis Yarats e Johnny Ho. Foto: The Wall Street Journal

Perplexity AI supera il miliardo di dollari

La valutazione di Perplexity AI è raddoppiata in soli tre mesi, segnale dell’interesse crescente degli investitori per un’alternativa a Google basata...
Share This