BYD rivoluziona l’ibrido: 2.000 km di autonomia!

da | 29 Mag 2024 | Automotive

Nel panorama contemporaneo del mercato automobilistico, la transizione verso veicoli elettrici sta affrontando diverse sfide, nonostante gli importanti progressi tecnologici e le politiche governative a supporto della mobilità sostenibile.

Una delle principali preoccupazioni per i consumatori rimane l’ansia da autonomia, ossia la paura che l’autonomia dei veicoli elettrici non sia sufficiente a coprire lunghe distanze senza frequenti ricariche. Questa preoccupazione, combinata con la scarsità delle colonnine in molte regioni, unitamente ai lunghi tempi di ricarica, continua a frenare l’adozione di massa delle auto elettriche.

In questo contesto, la soluzione proposta da BYD si presenta come un’importante svolta. L’azienda cinese infatti ha presentato un nuovo sistema di propulsione ibrido capace di percorrere oltre 2.000 chilometri senza necessità di ricarica o rifornimento.

Questa novità consente ad alcuni modelli ibridi plug-in di BYD di coprire la distanza equivalente tra New York e Miami, o tra Monaco e Madrid, con una singola carica e un pieno di carburante. Si tratta di un importante traguardo per BYD, che ha ridotto progressivamente i consumi di carburante attraverso cinque generazioni di veicoli ibridi dal loro debutto nel 2008.

Con sede a Shenzhen, BYD ha rivoluzionato il mercato automobilistico cinese con aggressivi tagli ai prezzi, che hanno tuttavia impattato sulla redditività. Lo scorso anno l’azienda ha venduto tre milioni di auto, mentre nei primi tre mesi del 2024 ha già consegnato quasi un milione di veicoli. Attualmente, ogni due ibridi venduti in Cina, uno è un modello BYD, a conferma dell’importanza degli EV per le entrate e i profitti dell’azienda.

Mentre gli automaker globali cercano soluzioni per alleviare l’ansia da autonomia dei consumatori e produrre veicoli più ecologici, Toyota ha recentemente svelato prototipi di una nuova generazione di motori a combustione interna che possono funzionare a idrogeno, benzina o altri carburanti, oltre che in modalità elettrica.

La strategia di BYD, che ha cessato completamente la produzione di auto alimentate da combustibili fossili all’inizio del 2022, si concentra invece sull’espansione delle esportazioni di veicoli ibridi verso mercati emergenti privi (o comunque scarsamente dotati) di infrastrutture di ricarica.

I primi due veicoli dotati della nuova tecnologia di lunga percorrenza da 2.100 chilometri sono berline di medie dimensioni, ossia i modelli Qin L e Seal 06, entrambe presentate al Salone dell’Auto di Pechino ad aprile. Questi fanno parte rispettivamente delle serie Dynasty e Ocean di BYD, e rappresentano una promettente soluzione per incentivare ulteriormente l’adozione dei veicoli elettrici ibridi a livello globale.

POTREBBE INTERESSARTI

Un cruscotto di un'auto con CarPlay

Apple ripensa CarPlay per vincere le resistenze dei produttori d’auto

Apple sta lavorando sulla prossima generazione di CarPlay, un sistema progettato per unificare le interfacce su ogni schermo dell’auto.

Le assicurazioni monitorano segretamente la nostra guida?

Le assicurazioni monitorano segretamente la nostra guida?

L’industria assicurativa, sempre alla ricerca di nuove informazioni su come guidiamo, negli Stati Uniti ha trovato alleati preziosi nei produttori di automobili e...
Il pacchetto retributivo da 56 miliardi di dollari di Elon Musk è stato riapprovato. Foto: Apu Gomes/Getty Images

Gli azionisti di Tesla approvano il bonus da $56 miliardi di Elon Musk

Ieri gli azionisti di Tesla hanno riapprovato il pacchetto retributivo di Elon Musk, che lo renderà il dirigente più pagato della storia. Telenovela finita, dunque? In...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
Lucid Motors licenzia 400 dipendenti

Ristrutturazione in Lucid Motors: licenziati 400 dipendenti

L’azienda riduce del 6% la sua forza lavoro in vista della presentazione entro fine anno del Gravity, il suo primo SUV elettrico.

Le macchine di Waymo avrebbero dato segnalazioni di "disobbedienza".

USA: le autorità indagano su comportamenti anomali di Waymo

Gli investigatori federali valutano la sicurezza delle macchine di Waymo dopo segnalazioni di “disobbedienza”.

Alex Kendall è il CEO di Wayve

Wayve, la startup di guida autonoma, riceve finanziamenti per $1 miliardo

La startup britannica Wayve riceve un massiccio sostegno finanziario guidato da SoftBank e Nvidia.

Tesla

Tesla, ancora tagli: eliminati i team Supercharger e nuovi veicoli

Secondo The Informer, Tesla si appresta a ridurre i costi con una nuova ondata di licenziamenti. Che però sarebbero sorprendenti, in quanto riguarderebbero settori...
Elon Musk ieri è volato a Pechino domenica per una visita al premier Li Qiang. Che per Tesla potrebbe essere piuttosto importante.

Perché la visita di Elon Musk in Cina è importante

Elon Musk è volato a Pechino domenica per una visita al premier Li Qiang. Che per Tesla potrebbe essere piuttosto importante.

Col lancio imminente del Tesla Network, Elon Musk entra nel mercato del trasporto privato con un'offerta completamente autonoma.

Tesla sfida Uber: ecco la nuova app per la mobilità autonoma

Col lancio imminente del Tesla Network, Elon Musk entra nel mercato del trasporto privato con un’offerta completamente autonoma.

Share This