La bolla dei GAAS sta scoppiando: le regole del gaming vanno riscritte

da | 15 Feb 2024 | Videogames

L’industria videoludica è sempre stata soggetta a mode e tendenze, con determinate scelte di design capaci di dominare per un certo periodo, così da influenzare lo sviluppo di nuovi generi (come nel caso degli FPS ispirati a Doom). Tuttavia, come tutte le mode, anche quelle legate al gaming subiscono fluttuazioni dell’interesse del pubblico, spingendo il medium a reinventarsi continuamente.

Sembra però che il settore sia meno incline ad adattarsi all’insofferenza del pubblico verso i sistemi di monetizzazione adottati, situazione che sta portando ad una vera e propria crisi dei titoli basati sul modello Game as a Service (GAAS). Con questa espressione si indicano i giochi basati su microtransazioni (spesso estetiche) e pass battaglia all’interno di un contesto ludico sempre online, sia cooperativo che competitivo.

Un esempio lampante è rappresentato da Suicide Squad: Kill the Justice League, lanciato da Warner Bros. solo pochi giorni fa, ma già vittima di questa crisi, che vede i malumori del pubblico emergere con veemenza ogni volta che un titolo viene presentato come GAAS.

Nel caso della produzione firmata Rocksteady, comunque, il fallimento annunciato non sembra essere legato unicamente al suo modello di business ma anche ad elementi più contingenti, come il voler insistere su personaggi già vittime di una tiepida accoglienza cinematografica, oppure il design generale della produzione, al di sotto del pedigree del team.

Suicide Squad, comunque, non rappresenta certo una mosca bianca nel panorama videoludico: basta pensare al caso di Babylon’s Fall (abbandonato a pochissimi mesi dal debutto), oppure a Marvel’s Avengers, capace di rivelarsi un flop nel periodo di maggiore popolarità del gruppo di supereroi della Casa delle Idee. Tutti campanelli di allarme che avrebbero dovuto far drizzare le orecchie ai vari publisher ma che sembrano essere rimasti inascoltati, come dimostrano i problemi che la stessa Sony ha affrontato con l’accantonato progetto multiplayer dedicato a The Last of Us.

La volontà di puntare forte sul settore dei GAAS rischia di costare caro alla compagnia giapponese, che ha dichiarato di voler lanciare entro il 2026 una dozzina di titoli simili, e che potrebbe trasformarsi in un enorme contraccolpo sia a livello economico che d’immagine, a meno di un sensibile ridimensionamento della propria strategia.

È difatti evidente come il genere sia attualmente inflazionato, coi giocatori che si trovano accerchiati da numerosi battle pass, una situazione che porta l’utenza a compiere una fisiologica operazione di cernita. Ed in tal senso è logico che a venire prediletti siano gli attuali leader di mercato, sia per una sorta di processo di fidelizzazione, sia per un discorso di pura fiducia che porta i giocatori a sostenere esperienze più sicure, capaci di garantire l’esborso effettuato.

Con la stagnazione della crescita dell’utenza e l’aumento esponenziale dei costi, è innegabile come l’industria debba ideare nuovi meccanismi per il suo sostentamento. A questo punto le strade sono solo due: o il mercato cresce oppure i costi di sviluppo devono ridursi. Allo stato attuale non esiste un modello di business o un sistema di monetizzazione che possa aggirare questa realtà.

POTREBBE INTERESSARTI

Microsoft annuncia una Xbox Series X bianca senza disco

Microsoft annuncia una Xbox Series X bianca senza disco

Arriverà anche una nuova Xbox Series X da 2TB in nero.

Keywords Studios è l'azienda leader in servizi di supporto per l'industria dei videogiochi

Keywords in trattative con EQT per un’acquisizione da £2 miliardi

L’azienda leader nei servizi di supporto per l’industria dei videogiochi attira l’interesse della svedese EQT. E le azioni vanno ai massimi...
Microsoft aggiungerà il prossimo Call of Duty al Game Pass

Microsoft aggiungerà il prossimo Call of Duty al Game Pass

L’annuncio ufficiale è atteso all’Xbox Games Showcase.

Microsoft chiuderà quattro studi di Bethesda

Microsoft chiuderà quattro studi di Bethesda

La divisione Xbox di Microsoft taglierà Arkane Austin, lo sviluppatore di Redfall e anche Tango Gameworks.

L'attaccante del Manchester City, Erling Haaland, diventerà un personaggio di Clash of Clans.

Erling Haaland diventa la prima persona reale in Clash of Clans

L’attaccante del Manchester City, Erling Haaland, diventa un personaggio di Clash of Clans. Ci gioca da oltre 10 anni.

Lars Wingefors, CEO di Embracer, ha annunciato oggi la divisione del colosso scandinavo dei videogame in tre diverse entità

Embracer si fa in tre e il mercato la premia

Dopo nove mesi lacrime e sangue, Embracer si divide in Asmodee Group, Coffee Stain & Friends e Middle-Earth Enterprises & Friends. E gli azionisti la...
Savvy Games aumenterà gli investimenti nel mobile dopo il successo di Monopoly Go.

Savvy Games accelera su mobile dopo il successo di Monopoly Go

Con 2 miliardi di dollari di ricavi, il gioco mobile guida l’espansione strategica della saudita Savvy Games nel settore videoludico.

Il produttore di Grand Theft Auto, Take-Two, licenzierà il 5% del personale

Il produttore di Grand Theft Auto, Take-Two, licenzierà il 5% del personale

Take-Two cancellerà anche alcuni progetti.

Nel 2023 i videogiocatori hanno speso la maggior parte del tempo con titoli vecchi almeno 6 anni

Nel 2023 i gamer hanno speso la maggior parte del tempo con videogiochi vecchi almeno 6 anni

Nel mercato dei videogiochi sembra esserci poco spazio per le novità.

NEO NPC mira a superare i limiti degli attuali NPC utilizzando l'IA generativa.

Ubisoft porta l’IA generativa nei videogiochi con NEO NPC

Ubisoft presenta alla GDC 2024 NEO NPC, una tecnologia rivoluzionaria basata sull’intelligenza artificiale. Ma roleplay non significa necessariamente...
Share This