Blue Origin riprende i lanci con passeggeri privati

da | 20 Mag 2024 | Aerospace

Blue Origin, l’azienda spaziale di Jeff Bezos, ha ripreso ieri a inviare turisti nello spazio, portando sei passeggeri privati in un breve volo a circa 100 chilometri sopra la Terra.

Tra questi c’era Ed Dwight, un ex capitano dell’Aeronautica militare selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta nero, ma che non ha mai avuto l’opportunità di volare nello spazio con la NASA. “È stato fantastico”, ha detto dopo essere uscito dalla capsula dell’equipaggio successivamente all’atterraggio.

Il volo, inizialmente ritardato di un’ora, è decollato intorno alle 9:35 ora locale dal sito di lancio di Blue Origin nel Texas occidentale. Dopo il decollo, il veicolo ha raggiunto quello che molti considerano essere oltre il confine dello spazio.

Il razzo e la capsula sono poi tornati sulla Terra: il razzo è atterrato in posizione verticale pochi minuti dopo il decollo, mentre la capsula è atterrata con successo utilizzando due dei suoi tre paracadute, circa 15 minuti dopo il decollo.

Questo volo segna la prima missione turistica di Blue Origin con il New Shepard da agosto 2022. L’azienda aveva sospeso i voli dopo che un razzo aveva subito un guasto al motore a metà volo durante una missione senza equipaggio nel settembre 2022. Blue Origin ha trascorso gran parte del 2023 a indagare sul difetto e ad effettuare correzioni di design, riuscendo a tornare in volo con un’altra missione senza equipaggio a dicembre.

Ad oggi, Blue Origin ha lanciato sette missioni turistiche con il New Shepard, portando nello spazio celebrità come William Shatner, Michael Strahan e lo stesso Bezos. In totale, il New Shepard ha trasportato 37 persone oltre il confine dello spazio riconosciuto a livello internazionale, come ha dichiarato l’azienda durante il webcast del lancio.

Blue Origin è vista come un futuro rivale strategico chiave di SpaceX di Elon Musk. L’azienda prevede di lanciare entro la fine dell’anno un razzo molto più grande e potente, il New Glenn, capace di trasportare carichi in orbita. Inoltre, Blue Origin mira a inviare esseri umani sulla Luna entro la fine del decennio per conto della NASA.

POTREBBE INTERESSARTI

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

NASA rinvia il ritorno dello Starliner sulla Terra

I dubbi sulla sicurezza dei motori dello Starliner bloccano gli astronauti sulla ISS fino a data da destinarsi. Ma il veicolo è certificato per una permanenza massima...
Starlink Mini porta l'internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini porta l’internet satellitare dentro gli zaini

Starlink Mini pesa un chilo e mezzo di peso, è grande come un laptop, offre velocità superiori ai 100 Mbps e consuma meno dei terminali precedenti.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Share This