La strategia di Biden costerà cara: la Cina vieta Intel, AMD e Microsoft

da | 26 Mar 2024 | Business

Dopo che per due amministrazioni americane, prima Trump e poi soprattutto Biden, gli USA hanno imposto restrizioni alle esportazioni tecnologiche verso la Cina (anche a noi europei, come dimostra il caso dell’olandese ASML), eccoci a commentare l’inevitabile risposta cinese. Che ha tutta l’aria di una salatissima ripicca.

Secondo quanto riportato dal Financial Times, la Cina ha infatti emanato delle direttive per eliminare progressivamente i chip statunitensi dalle proprie infrastrutture. Non contenta, intende anche escludere il sistema operativo Windows di Microsoft e altri software per database esteri a favore di soluzioni nazionali.

Stando a quanto dichiarato ieri da alcuni analisti di Wall Street, a causa di queste restrizioni Intel e AMD rischiano di vedere evaporare miliardi di dollari di entrate. Nel 2023 infatti la Cina ha rappresentato il maggior mercato per Intel, col 27% delle sue entrate, mentre per AMD ha rappresentato circa il 15% delle sue vendite. Microsoft non ha fornito dettagli specifici sulle proprie entrate in Cina.

“Un arresto totale degli acquisti governativi cinesi di CPU Intel e AMD potrebbe ridurre le entrate di una percentuale a cifra singola bassa“, ha affermato l’analista di Bernstein Stacy Rasgon, stimando un impatto fino a 1,5 miliardi di dollari per Intel e alcune centinaia di milioni per AMD. Ha tuttavia sottolineato che Intel potrebbe subire un impatto maggiore sui profitti “a causa di una maggiore esposizione e di una struttura dei costi meno efficiente”.

A seguito dell’annuncio le azioni di Intel sono diminuite dell’1,6% e quelle di Microsoft dell’1% nel trading pomeridiano di ieri. Quelle di AMD, invece, dopo un inizio in calo hanno registrato un lieve aumento.

A fine dicembre il ministero dell’industria cinese aveva indicato in un comunicato tre liste separate di processori centrali, sistemi operativi e database centralizzati, ritenuti “sicuri e affidabili” per tre anni dalla data di pubblicazione. Secondo Reuters, erano tutti di aziende cinesi.

POTREBBE INTERESSARTI

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Ai giovani piace l'idea di affidarsi all'IA per gestire il proprio denaro

Giovani e IA: è una nuova era per la gestione finanziaria?

A Generazione Z e Millennials piace l’idea di affidarsi all’IA per gestire il proprio denaro. Scettici invece Generazione X e i Baby Boomers.

Apple torna a essere la regina del mercato

L’IA rende (nuovamente) Apple l’azienda più ricca al mondo

Gli annunci della WWDC 2024 proiettano il valore di Apple oltre quello di Microsoft, fino a raggiungere una capitalizzazione di 3,29 trilioni di dollari.

Dazi e indagini: mano pensate della UE contro i sussidi cinesi

Dazi fino al 38% e indagini: mano pesante della UE contro la Cina

In vista maggiorazioni fino al 38,1% sulle auto elettriche e varie investigazioni per verificare il corretto funzionamento del mercato. Ma la sensazione è che si voglia...
Elon Musk minaccia di lasciare Tesla

Elon Musk potrebbe lasciare Tesla senza il pacchetto retributivo da $56 miliardi

Il presidente del Consiglio di amministrazione, Robyn Denholm, avverte gli azionisti dell’importanza di mantenere l’impegno con Elon Musk, insistendo che...
Nvidia sorpassa Apple in borsa e si avvicina al primato di Microsoft

Nvidia sorpassa Apple e riscrive le gerarchie della Silicon Valley

La valutazione record del produttore di chip sfiora i 3,012 trilioni di dollari, superando Apple e avvicinandosi al primato di Microsoft.

La saudita Prosperity7 Ventures ha investito 400 milioni di dollari nella della startup cinese Zhipu AI

Strappo saudita con gli USA: $400 milioni all’IA cinese di Zhipu

Prosperity7 Ventures, braccio di Saudi Aramco, diventa il primo investitore straniero a sostenere una startup di IA generativa in Cina.

Nvidia rimbalza in borsa grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

NVIDIA: ascesa vertiginosa in borsa grazie gli investimenti nell’IA

Dopo il crollo di settimana scorsa, Nvidia registra un’impennata della capitalizzazione di mercato grazie agli investimenti in IA dei Big Tech.

I fondatori di Perplexity AI, da sinistra a destra: Aravind Srinivas, Denis Yarats e Johnny Ho. Foto: The Wall Street Journal

Perplexity AI supera il miliardo di dollari

La valutazione di Perplexity AI è raddoppiata in soli tre mesi, segnale dell’interesse crescente degli investitori per un’alternativa a Google basata...
Share This