Bezos sogna la Luna: il lander Blue Moon e le ambizioni di Blue Origin

da | 5 Mar 2024 | Aerospace

Blue Origin, la società spaziale di Jeff Bezos, ha annunciato il suo ambizioso piano di far atterrare un lander cargo senza equipaggio sulla Luna entro i prossimi 12-16 mesi. La conferma è giunta per voce di John Couluris, vicepresidente senior per la permanenza lunare presso Blue Origin, durante il programma 60 Minutes della CBS, andato in onda la scorsa domenica.

Il lander in questione è il Blue Moon Mark 1, un gigante alto quasi tre piani che sta prendendo forma presso l’impianto di produzione della compagnia sito a Huntsville in Alabama. La missione Pathfinder, come viene chiamata, servirà a testare le capacità del MK1, tra cui il suo sistema di atterraggio di precisione e la sua capacità di trasportare fino a 3 tonnellate di carico sulla Luna.

Blue Origin non ha però intenzione di fermarsi qui. L’azienda ha in programma di costruire altri lander cargo e una versione con equipaggio del lander Blue Moon per NASA. Quest’ultimo, riutilizzabile a differenza del MK1, permetterebbe di trasportare gli astronauti da e verso la superficie lunare.

NASA sta supportando attivamente lo sviluppo del lander Blue Moon, fornendo finanziamenti e assistenza tecnica. L’obiettivo è avere il veicolo con equipaggio pronto per la missione Artemis 5 nel 2029.

Il progetto rappresenta un’alternativa al sistema Starship di SpaceX, anch’esso in fase di sviluppo per NASA. La diversificazione dei lander è vista come una strategia per ridurre i rischi e aumentare le possibilità di successo, come sostenuto da Jim Free, amministratore associato di NASA.

Blue Origin prevede di inviare il lander MK1 sulla Luna sul suo razzo riutilizzabile New Glenn, anch’esso in fase di sviluppo. Un paio di settimane fa, una versione prototipo del vettore è stata sollevata per la prima volta su una piattaforma di lancio della Florida, e attualmente sta attraversando una serie di test di trasporto criogenico.

Durante il Lake Nona Impact Forum della scorsa settimana in Florida, Bezos ha condiviso il palco con l’amministratore di NASA Bill Nelson per discutere del lander Blue Moon, del razzo New Glenn e della connessione tra le origini di Amazon e gli obiettivi di Blue Origin.

Bezos non ha nascosto di nutrire grandi speranze per il futuro della sua azienda spaziale, attraverso la quale ha intenzione di creare infrastrutture spaziali pesanti che favoriscano la nascita di una nuova generazione di imprenditori nello spazio.

Il programma Artemis di NASA, con il supporto di aziende come Blue Origin e SpaceX, rappresenta un passo importante verso la creazione di una presenza umana permanente sulla Luna. La sfida è grande ma le ambizioni e le tecnologie a disposizione sembrano decisamente promettenti.

POTREBBE INTERESSARTI

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

Blue Origin si unisce a SpaceX e ULA nei contratti per lanci militari della Space Force

Blue Origin gareggerà con SpaceX e ULA per i lanci di Space Force

Dopo anni di lobbying, proteste e proposte, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, Blue Origin, è ora un appaltatore di lanci militari.

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS

NASA manda in onda una falsa emergenza sulla ISS (e si scusa)

“Controllate di nuovo il suo polso”: il pubblico in ansia dopo un audio diffuso accidentalmente.

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno

SpaceX espande la Starfactory per costruire una Starship al giorno!

SpaceX espanderà la Starbase in Texas. L’obiettivo è la produzione di massa di Starship Version 2.

L'ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

L’ultimo lancio di Starship di SpaceX è stato un successo

Non è stato perfetto ma i passi in avanti compiuti da SpaceX sono evidenti.

Il Boeing Starliner è finalmente in orbita

Boeing Starliner finalmente in orbita, ma emergono perdite di elio

Dopo anni di ritardi, la missione di prova dello Starliner è decollata ieri dalla Florida. Ma non è esattamente un successo.

Il bombardiere nucleare stealth B-21 si mostra in volo. Foto: US Air Force

Ecco le prime foto del bombardiere nucleare stealth B-21 in volo

Dopo oltre tre decenni di sviluppo, il successore dei bombardieri B-1 e B-2 si mostra in aria. Ogni esemplare ha un costo stimato di circa 700 milioni di dollari.

ExoMars 2028: l'ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

ExoMars 2028: l’ESA sfrutterà una rivoluzionaria tecnologia nucleare

Il rover europeo della missione ExoMars 2028 sarà il primo a utilizzare un riscaldatore a radioisotopi di americio-241, che gli permetterà di operare anche alle...
Ed Dwight, ex capitano dell'Aeronautica militare selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta nero. Ha volato con Blue Origin.

Blue Origin riprende i lanci con passeggeri privati

Il New Shepard di Blue Origin riprende i voli turistici dopo un anno di indagini. A bordo Ed Dwight, selezionato nel 1961 come primo candidato astronauta di...
SuperLimbs è sviluppato dal MIT

SuperLimbs è la tecnologia che aiuterà gli astronauti a rialzarsi

Gli ingegneri del MIT sviluppano SuperLimbs, per risolvere il problema delle cadute e migliorare la produttività degli astronauti sulla Luna.

Share This