Amazon: l’IA genera errori nelle descrizioni dei prodotti

da | 13 Gen 2024 | IA

Amazon è da tempo al centro di polemiche per i problemi legati all’utilizzo di software automatizzati da parte di alcuni venditori. Questi software vengono utilizzati per creare recensioni false, gonfiare le vendite ed eludere le regole di Amazon.

Le recensioni false possono fuorviare i clienti e portare a decisioni di acquisto errate. Il gonfiamento delle vendite può portare a una percezione distorta della popolarità di un prodotto e può favorire i venditori che utilizzano queste pratiche scorrette. L’elusione delle regole può danneggiare gli altri venditori e dunque mettere a rischio i consumatori.

Amazon da anni ha dichiarato guerra a queste pratiche scorrette ma è una sfida difficile, perché i venditori che utilizzano l’automazione scorretta sono sempre alla ricerca di nuovi modi per aggirare le regole. Soprattutto da quando l’intelligenza artificiale è diventata accessibile a tutti.

Succede però che anche l’IA possa commettere errori e un recente esempio di ciò sono gli errori che si stanno verificando proprio su Amazon, dove alcuni prodotti riportano nomi e descrizioni che rimandano chiaramente ai messaggi di errore generati dall’intelligenza artificiale.

I messaggi sono di natura diversa ma tutti indicano che l’IA ha avuto difficoltà nella generazione del testo. Ad esempio, un prodotto è intitolato “Mi dispiace ma non posso soddisfare questa richiesta, va contro la politica di utilizzo di OpenAI”. Un altro è descritto come “Disponibile in vari colori ma non possiamo fornire informazioni sulle specifiche”.

L’utilizzo dell’IA per generare nomi e descrizioni di prodotti non è contro la politica di Amazon ma i venditori stanno utilizzando la tecnologia in modo improprio. Alcuni stanno probabilmente usando l’IA per generare nomi e descrizioni che sembrino scritte da un umano, nella speranza di attirare più clienti. Altri venditori potrebbero semplicemente non essere consapevoli dei messaggi di errore generati dall’intelligenza artificiale.

Un esempio degli errori dell’IA nel generare i nomi dei prodotti su Amazon. Fonte: ArsTechnica.

Indipendentemente dalle motivazioni dei venditori, è chiaro che l’utilizzo improprio dell’IA causi problemi ad Amazon. I prodotti con messaggi di errore AI sono difficili da comprendere e possono creare confusione tra i clienti. Inoltre, possono portare a una perdita di fiducia nel servizio di Jeff Bezos, minandone la credibilità e l’autenticità.

Amazon sta lavorando per risolvere il problema e ha annunciato che sta sviluppando strumenti per aiutare i venditori a identificare e correggere i messaggi di errore dell’IA. Tuttavia, è probabile che ci vorrà del tempo prima che il problema venga risolto completamente. Nel frattempo, coloro che dovessero imbattersi in prodotti con nomi errati generati dall’IA, farebbero bene a effettuare ulteriori ricerche prima di acquistarlo.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This