Alat, il fondo saudita per l’IA da $100 miliardi: no alla Cina se gli USA lo vorranno

da | 10 Mag 2024 | IA

L’asse tecnologico che gli Stati Uniti stanno stringendo con gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita ha una duplice valenza.

Da un lato serve a intercettare i miliardi che gli arabi vogliono investire nell’intelligenza artificiale, da loro considerata il nuovo oro nero. Dall’altro, presidiando l’area, gli americani tengono lontani i cinesi, ormai eletti ad avversari (ma sarebbe meglio dire nemici) tecnologici, oltre che politici. È in quest’ottica che va letta la news di oggi che vuole il fondo saudita Alat dichiarare pubblicamente che si disimpegnerà dalla Cina, qualora gli USA lo chiedessero.

Alat è una società d’investimento sostenuta dal Public Investment Fund dell’Arabia Saudita, dotata di un capitale di 100 miliardi di dollari. Si occupa principalmente di investimenti nel settore della tecnologia, con un focus specifico sui semiconduttori e sull’intelligenza artificiale.

È guidata dall’amministratore delegato Amit Midha e gioca un ruolo significativo nei piani di sviluppo tecnologico dell’Arabia Saudita, che mira a posizionare il paese come leader regionale nella produzione di tecnologie avanzate.

La dichiarazione d’intenti di Alat è dunque di quelle forti. Sia perché i cinesi hanno una voglia matta di tenere il passo degli USA in ambito tecnologico (leggasi: sono molto propensi a investire), sia perché questa affermazione sottolinea il forte legame con gli Stati Uniti, considerati il principale partner commerciale e strategico del fondo.

Ma c’è da capirlo, Amit Midha. Entro fine giugno prevede di annunciare due nuove partnership proprio con aziende tecnologiche americane. Ed è inutile girarci attorno: oggi come oggi, se si parla di intelligenza artificiale, sono gli Stati Uniti a dettare il passo. “Se diventasse necessario, ci disimpegneremo”, ha dunque affermato dunque l’amministratore delegato di Alat, che ha precisato in un’intervista che se le relazioni con la Cina dovessero in qualche modo pregiudicare i rapporti con gli Stati Uniti, il fondo è pronto a ritirarsi.

Le autorità americane d’altronde hanno esplicitamente chiesto ai loro omologhi sauditi di optare per la tecnologia americana nella costruzione dell’industria dei semiconduttori, a dimostrazione della serietà con cui Washington persegue la battaglia tecnologica con Pechino. Un aspetto questo che, ovviamente, viene fatto ricadere sotto l’ampio ombrello delle questioni di sicurezza nazionale.

Midha ha sottolineato l’importanza di costruire relazioni di fiducia con partner americani, riconoscendo gli Stati Uniti come il mercato di riferimento per l’intelligenza artificiale e la produzione di semiconduttori. “Cerchiamo partnership sicure e affidabili negli USA”, ha dichiarato durante la Milken Institute Global Conference in California.

Washington, lo scrivevamo in apertura, teme che Riyadh e altri centri regionali possano facilitare l’accesso di Pechino a tecnologie avanzate altrimenti inaccessibili. E l’ambizione dell’Arabia Saudita di posizionarsi come leader regionale nel campo delle tecnologie avanzate, emerge in un momento di crescente attenzione da parte degli USA sui legami del Medio Oriente con la Cina.

Non a caso, gli Stati Uniti hanno chiesto a G42, una società di intelligenza artificiale con base ad Abu Dhabi di cui abbiamo scritto in questa news, di staccarsi dalle tecnologie cinesi in cambio di un accesso continuativo ai sistemi americani per l’intelligenza artificiale. E preparando il terreno a un massiccio investimento di Microsoft da 1,5 miliardi di dollari.

POTREBBE INTERESSARTI

ByteDance e Broadcom avviano una collaborazione strategica per l'IA
,

ByteDance e Broadcom: al via una collaborazione per l’IA

L’azienda americana produrrà un chip da 5nm per la casa madre di TikTok, che lo scorso anno avrebbe già investito 2 miliardi di dollari in chip Nvidia.

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell'UE
,

Apple rinvierà il lancio di Apple Intelligence nell’UE

Il gigante tecnologico indica il Digital Markets Act come la causa di questa decisione.

TikTok prova a rivoluzionare l'ADV ma inciampa clamorosamente

TikTok prova a rivoluzionare l’ADV ma inciampa clamorosamente

I Symphony Digital Avatars, il nuovo strumento di TikTok per la creazione di contenuti generati dall’IA, finiscono nel mirino dopo che una falla ha consentito la...
Ecco come di comporta Claude 3.5 Sonnet rispetto agli altri modelli.

Più veloce e intelligente: ecco Claude 3.5 Sonnet

Claude 3.5 Sonnet è il modello più avanzato di Anthropic, e promette prestazioni superiori a GPT-4 e Gemini

Il produttore di chip TSMC vola in borsa

La valutazione di TSMC vola alle stelle trascinata di Nvidia

TSMC si sta avvicinando alla valutazione di mille miliardi di dollari a Wall Street trascinata da Nvdia e dall’esplosione dell’IA.

L'IA non è in grado di prendere ordini da McDonald's

McDonald’s: l’IA non è ancora in grado di prendere gli ordini al drive-in

McDonald’s, la famosa catena di fast food, negli Stati Uniti ha deciso di disabilitare un sistema basato sull’intelligenza artificiale utilizzato nei...
Jen-Hsun Huang durante una presentazione di Nvidia

Nvidia batte Microsoft ed è la società che vale di più al mondo

Spinta dal crescente interesse nel comparto dell’intelligenza artificiale, Nvidia ha infranto un nuovo record in borsa, superando anche Microsoft.

Il segretario della NATO Jens Stoltenberg

La NATO investe mille miliardi di euro in IA, robot e spazio

La NATO investe mille miliardi di euro in 4 aziende specializzate in tecnologia per lo sviluppo di IA, robotica e ingegneria spaziale.

I robots di Ex-Robots

In Cina stanno costruendo robot con espressioni facciali umane

L’ultima frontiera della tecnologia fonde la robotica con l’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di usare l’IA per dare ai robot...
Sam Altman potrebbe trasformare OpenAI in una società benefit foto: Joel Saget/AFP/Getty Images

OpenAI potrebbe diventare una società benefit (e perseguire il profitto)

OpenAI, per competete al meglio contro Anthropic e xAI, potrebbe cessare di essere una no-profit. E c’è già chi come passo successivo s’immagina...
Share This